rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Solarolo

I bambini imparano a riciclare e fanno risparmiare i genitori

Sono state premiate le scuole per i risultati ottenuti nella raccolta differenziata nell’ambito delle due iniziative Hera che rientrano nel progetto più ampio di educazione ambientale “La Grande Macchina del Mondo”

Sono state premiate giovedì mattina dal  vicesindaco Stefano Briccolani e da Marco Guarnieri, responsabile dei servizi di igiene ambientale Hera nel comprensorio faentino, le scuole del comune di Solarolo per i risultati ottenuti nella raccolta differenziata durante l’anno scolastico, nell’ambito delle due iniziative “Differenzia la tua scuola” e “Riciclandino” che rientrano nel progetto più ampio di educazione ambientale “La Grande Macchina del Mondo” promosso da Hera nelle scuole del territorio servito. Per quanto riguarda “Differenzia la tua scuola”, si tratta dell’ottava edizione per le scuole di Solarolo. L’iniziativa di Hera premia le scuole del comune che nel corso dell’anno scolastico hanno raggiunto i maggiori quantitativi di carta e cartone raccolti all’interno delle classi. Complessivamente sono state coinvolte 19 classi di tre scuole con obiettivi da raggiungere in termini di quantitativi di sacchi di carta da raccogliere, sulla base del numero delle classi presenti in ognuna delle tre scuole partecipanti. In totale sono stati raccolti 160 sacchi di carta/cartone che corrispondono a 800 kg circa di materiale avviato a recupero. La scuola vincitrice è risultata la secondaria di primo grado “Giuseppe Ungaretti”, che ha vinto una fornitura di carta riciclata. Quest’anno il Comune di Solarolo ha aderito anche a Riciclandino, il progetto ambientale di Hera dedicato a promuovere l’utilizzo della stazione ecologica da parte di studenti e famiglie. All’iniziativa hanno partecipato la scuola dell’infanzia “Resistenza”, la scuola primaria “Pezzani” e la secondaria di primo grado “Ungaretti”, per oltre 300 alunni complessivamente coinvolti.

"Il tema della corretta Gestione dei Rifiuti è uno dei nuovi e fondamentali problemi che le Società industrializzate debbono affrontare – commenta Stefano Briccolani - ViceSindaco e Assessore all'Ambiente - Comune di Solarolo -. Un problema che tocca gli aspetti economici della nostra vita, il rispetto e la salvaguardia dell'ambiente in cui viviamo e la nostra salute e quella delle generazioni future. La strada dettata dalla nota regola delle tre R (Riduzione, Riuso, Riciclo) deve rappresentare un principio base per arrivare in tempi brevi al primo grande obiettivo che è la fine delle discariche. E' per questo che riteniamo fondamentale il lavoro di costante sensibilizzazione e formazione sulle nuove generazioni che anche attraverso questi progetti potranno diventare cittadini migliori".

A ogni scuola che ha aderito al progetto è stato assegnato un apposito codice a barre, riprodotto sulle tessere Riciclandino distribuite a ciascun alunno. La famiglia dello studente che si reca alla stazione ecologica di Solarolo per conferire i rifiuti, utilizza il codice a barre identificativo dell’utente (che si trova della bolletta di igiene ambientale) assieme alla Tessera Riciclandino e usufruisce degli sconti normalmente a disposizione per alcune tipologie di rifiuti. I rifiuti di carta/cartone, vetro/lattine, plastica, gli oli minerali e vegetali, le pile, gli accumulatori al piombo e i piccoli Raee (Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche) conferiti in stazione ecologica contribuiscono anche a determinare le graduatorie delle scuole per la distribuzione di incentivi economici. Comunque tutti i rifiuti differenziati conferiti in stazione ecologica fanno ottenere alle scuole risme di carta riciclata. Complessivamente nel corso dell’anno scolastico sono stati oltre 5.700 i kg di rifiuti conferiti alla stazione ecologica dalle famiglie delle tre scuole partecipanti, pari a circa 17 kg per alunno, che hanno portato all’aggiudicazione complessiva di quasi 400 euro e 55 risme di carta, così suddivisi: alla scuola “Pezzani” sono andati 177 euro e 29 risme, a fronte delle quasi 3 tonnellate di rifiuti differenziati portati alla stazione ecologica; la scuola dell’infanzia “Resistenza” ha ricevuto 144 euro e 18 risme (quasi 1.900 kg conferiti); la scuola secondaria di primo grado “Ungaretti” si è aggiudicata 62 euro  e 8 risme (circa 900 kg di rifiuti differenziati conferiti).  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I bambini imparano a riciclare e fanno risparmiare i genitori

RavennaToday è in caricamento