menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I documenti storici si "digitalizzano" per ripercorrere la cronistoria del Premio Europa

Nel sito della Biblioteca comunale manfrediana sono stati, infatti, pubblicati documenti e fotografie che ripercono le tappe del prestigioso riconoscimento alla città

Le celebrazioni del 50esimo anniversario del Premio Europa a Faenza si arrichiscono di una nuova pagina: nel sito della Biblioteca comunale manfrediana sono stati, infatti, pubblicati documenti e fotografie che ripercono le tappe del prestigioso riconoscimento alla città.

Il primo documento pubblicato è la lettera dell'allora sindaco di Faenza, Elio Assirelli, indirizzata - il 24 febbraio 1965 - al Segretario Generale del Consiglio d'Europa, a Strasburgo, per presentare la candidatura di Faenza al "Premio Europa", istituito dal Consiglio d'Europa. Candidatura riproposta nei due anni successivi. Troviamo poi ritagli di giornali dell'epoca, che documentano del viaggio, dal 28 luglio al 3 agosto 1967, di alcuni studenti delle scuole superiori faentine a Strasburgo per visitare le istituzioni europee, finalizzato a sensibilizzare il mondo giovanile, in particolare quello delle scuole, all'ideale europeo. Quindi si arriva al conferimento del Premio Europa a Faenza, documentato dalla lettera del presidente della Commissione dei Poteri Locali del Consiglio d'Europa, René Radius, indirizzata al sindaco Assirelli il 22 marzo 1965. Seguono, infine, altre immagini fotografiche, fra le quali quella del discorso del sindaco Elio Assirelli a Strasburgo, il 31 ottobre 1968, in occasione della cerimonia ufficiale di consegna del premio.

Tutta la documentazione è consultabile nel sito internet della Biblioteca comunale, nella sezione "Biblioteca digitale faentina". Questa sezione è frutto di un progetto partito alcuni anni fa con l'obiettivo, attraverso la progressiva digitalizzazione dei fondi e delle collezioni conservati dalla biblioteca, di far conoscere, rendere fruibile e valorizzare un patrimonio culturale di grande pregio, senza pregiudicarne la sua conservazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento