menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I libri arrivano a casa, anche a Conselice parte il sevizio di consegna e ritiro a domicilio

Gli utenti iscritti alla Biblioteca possono richiedere il prestito inviando una email. Il servizio potrebbe proseguire anche dopo la riapertura della sede bibliotecaria

La Biblioteca Comunale “Giovanna Righini Ricci” di Conselice, per aiutarci a trascorrere il tempo a casa, attiva a partire da giovedì 23 aprile un servizio gratuito di prestito libri per bambini ed adulti a domicilio su tutto il territorio comunale, frazioni comprese. Su impulso dell’Assessore alla Cultura del Comune di Conselice, Raffaella Gasparri, si è pensato di proporre l’attivazione del servizio sperimentale di prestito a domicilio sicuramente per il periodo di permanenza dello stato di emergenza sanitaria riservandosi la possibilità di proseguire poi tale servizio, sulle frazioni in cui non è presente fisicamente la biblioteca, anche successivamente al concludersi dell’emergenza Coronavirus.

Richiedere un prestito a domicilio è facile. Gli utenti iscritti alla Biblioteca possono richiedere il prestito inviando una email all'indirizzo righiniricci@sbn.provincia.ra.it , oppure telefonando il giovedì mattina dalle ore 9 alle ore 13 al numero 0545-986930 indicando nome e cognome, data di nascita, titolo e autore del libro richiesto. Si possono richiedere massimo 2 libri (diversamente dai soliti quattro) per una durata di 30 giorni: la consegna verrà effettuata ogni venerdì. All’atto della consegna l’utente dovrà essere presente fisicamente. Per chi ha prestiti scaduti in corso sarà necessario prima prenotare il ritiro a domicilio, con le stesse modalità descritte per i prestiti. La consegna viene effettuata da volontari del Comune di Conselice nel pieno rispetto delle norme anti-Covid19.

“In questo periodo di emergenza – spiega l’assessore alla Cultura Raffaella Gasparri, ideatrice dell’iniziativa - la diffusione della cultura ha subito una battuta d’arresto. Non è possibile accedere a teatri, musei, cinema, concerti e biblioteche: per questo abbiamo deciso di portare la cultura a casa dei cittadini consegnando a domicilio i libri richiesti, tramite i volontari del Centro “M.Salami” che molto generosamente si sono messi a disposizione. In questo modo offriamo la possibilità a chi deve restare a casa, di impegnare il proprio tempo leggendo, studiando, riflettendo e liberando la fantasia: un libro è sempre il migliore amico nei momenti di solitudine e di noia e aiuta a pensare a nuove alternative per quando si potrà di nuovo vivere liberamente”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento