rotate-mobile
Cronaca

I Lions e l'istruzione: presentati tre nuovi progetti

Aprendo la conferenza stampa, l’assessore all’Istruzione Ouidad Bakkali ha sottolineato che “come Comune ci fa molto piacere poter contribuire a presentare e divulgare iniziative di questo tipo"

Il finanziamento di due progetti, uno del IX Circolo e uno dell’Istituto Comprensivo S. Biagio, che prevedono rispettivamente attività laboratoriali per gli alunni e a sostegno dell’apprendimento, e l’elargizione di donazioni al centro educativo di Wolisso, in Etiopia, che ospita e istruisce 600 bambini, sono stati i temi al centro di una conferenza stampa svoltasi nella quale i Lions hanno nello specifico illustrato questi progetti, da loro portati avanti, e più in generale parlato delle loro attività a favore dell’educazione e dell’alfabetizzazione.

Aprendo la conferenza stampa, l’assessore all’Istruzione Ouidad Bakkali ha sottolineato che “come Comune ci fa molto piacere poter contribuire a presentare e divulgare iniziative di questo tipo. La nostra speranza è che si possano moltiplicare e che la collaborazione tra Lions, IX Circolo e istituto comprensivo San Biagio possa diventare un modello per dare risorse e progettualità alle nostre scuole e alla formazione del nostro capitale umano”.
Sono poi intervenuti tra gli altri Andrea Franchi ed Enrico Saviotti, officer Lions, Franco Saporetti, presidente della prima circoscrizione del Lions distretto 108A, che hanno illustrato le attività dei Lions a favore di alfabetizzazione ed educazione, Anna Morrone, Carla Solaini e Maria Luisa Martinez, rispettivamente dirigenti scolastiche di IX Circolo e istituto comprensivo San Biagio e dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale, per esprimere i loro ringraziamenti.

Il rapporto di collaborazione che da anni si sviluppa nell’ambito dell’istruzione è uno dei tanti esempi del modo, per i Lions, di essere “cittadini attivi”.
Il Presidente Internazionale dei Lions, Waine A. Madden, ha indicato nel suo programma “In a World of Service” il modo con cui i Lions possono contribuire concretamente  ad aiutare chi ha più bisogno, specialmente nel campo giovanile con azioni che possono decidere del futuro di ogni singolo bambino. In particolare, un ambito in cui i Lions hanno deciso di incidere, per quest’anno, è l’Alfabetizzazione.

I Lions credono molto nell’istruzione per la crescita di un popolo, l’struzione è un diritto di tutti, è libertà dalla schiavitù dell’ignoranza, è il più lento ma il più potente fattore di sviluppo. Questo impegno, per i Lions del Distretto 108 A, su indicazione del Governatore, il ravennate Beppe Rossi, si traduce in aiuti per l’istruzione scolastica, donando libri, computers, programmi software didattici, ma anche con azioni di tutoraggio per bambini e ragazzi, genitori e insegnanti, aiutando specialmente chi ha mancanza di mezzi o maggiori difficoltà di apprendimento, per diversi motivi, fisici o caratteriali. Nel Distretto (che include Romagna, Marche, Abruzzo e Molise) l’impegno dei Lions si tradurrà in donazioni al centro educativo di Wolisso, in Etiopia, che ospita e istruisce 600 bambini e che è stato costruito dal nostro Distretto stesso, e in progetti sviluppati con i locali Istituti Scolastici.

A Ravenna, i quattro Club Lions, Ravenna Host, Ravenna Bisanzio, Ravenna Dante Alighieri, Ravenna Romagna Padusa, con il patrocinio del Comune, hanno deciso di finanziare due progetti, uno del IX Circolo e uno dell’Istituto Comprensivo S. Biagio. Il IX Circolo realizzerà il Progetto”Star bene a scuola” che prevede, oltre ad attività laboratoriali per gli alunni, anche una fase di formazione per i docenti sui temi via via affrontati. Il progetto “Star bene a scuola”, prevede anche azioni sull’innovazione didattica nell’area linguistica e matematica-scientifica-tecnologica. Coinvolge 80 insegnanti del Circolo e 500 bambini delle scuole di Ponte Nuovo e Classe.

L’Istituto Comprensivo S.Biagio, realizzerà il progetto “Si può dare di più”, che si rivolge in particolar modo a studenti che presentano delle difficoltà specifiche dell’apprendimento e che si ritenga abbiano bisogno di un supporto ulteriore per migliorare il loro apprendimento e rendimento scolastico in generale. Inoltre l’attività proposta si rivolge ai ragazzi stranieri con specifiche difficoltà di apprendimento. Infine a quei ragazzi che presentano dei problemi del comportamento e che mostrano una marcata difficoltà nel rispetto delle regole interne all’ambiente scolastico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Lions e l'istruzione: presentati tre nuovi progetti

RavennaToday è in caricamento