menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I volontari chiedono un'infermeria più grande per i gatti, il sindaco: "La loro tutela è tra i nostri obiettivi"

"La tutela degli animali è tra gli obiettivi dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna". Ad affermarlo è il sindaco referente Paola Pula, replicando all'appello lanciato dai volontari di Enpa

"La tutela degli animali è tra gli obiettivi dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna". Ad affermarlo è il sindaco referente Paola Pula, replicando all'appello lanciato dai volontari di Enpa per allargare gli spazi dell'infermieria felina: "I volontari Enpa svolgono un’opera esemplare sul territorio per contenere il randagismo felino anche grazie alla collaborazione del Servizio Veterinario Ausl e l’Unione non sta sottovalutando le esigenze emerse dai tavoli di lavoro con l’associazione, ma è utile ripercorrere la storia dell’Infermeria felina che si trova a Bizzuno con uno sguardo ai prossimi impegni”.

La struttura prefabbricata, inaugurata il il 7 febbraio 2009, fu acquistata da Team a seguito della richiesta dell’allora Presidente di Enpa Giovanna Buscaroli la quale, dovendo gestire le sterilizzazioni dei gatti delle colonie feline di alcuni Comuni della Bassa Romagna, necessitava di uno spazio ove poter collocare i gatti per il post intervento operatorio e per le cure veterinarie dei gatti incidentati. Enpa all’epoca aveva stipulato convenzioni con i Comuni di Lugo, Massa Lombarda, Cotignola e Bagnacavallo per la gestione delle colonie feline cittadine. "Pertanto l’associazione, a fronte del comodato gratuito per l’uso della nuova struttura, si impegnò a provvedere a tutti gli oneri conseguenti relativi alle spese di gestione dell’infermeria felina, ovvero i costi per l’acquisto di cibo e farmaci, le spese veterinarie per le prestazioni non eseguibili da Ausl e le manutenzioni ordinarie, mentre Team si impegnò a pagare le spese di riscaldamento, energia elettrica, acqua e smaltimento rifiuti - spiega il sindaco - Enpa e Team stipularono quindi una convenzione per la gestione dell’infermeria felina a titolo sperimentale per un anno per regolare i reciproci rapporti, convenzione che nel tempo si è modificata e meglio strutturata comprendendo anche una quota di rimborso spese per l’associazione e nel 2019 anche un contributo aggiuntivo straordinario. Team in questi ultimi anni si è fatta carico di significativi interventi di manutenzione straordinaria come ad esempio l’impianto di condizionamento dei locali e dell’acquisto di attrezzature per il funzionamento della struttura (taglia erba, casetta attrezzi, nuove gabbie di contenimento). Ad oggi l’associazione tramite convenzione con Team segue, oltre all’infermeria felina, anche tutte le attività di censimento, controllo e gestione delle colonie feline presenti nei 9 Comuni dell’Unione, coordinando le attività di volontariato con l’ausilio dei propri associati ma anche di semplici cittadini che desiderano prendersi cura delle numerose colonie feline".

"Recentemente Team ha concluso la trattativa per l’acquisto di una nuova area adiacente all’infermeria felina e al canile che consentirà di rimodulare gli spazi delle due strutture per rispondere alle normative che impongono l’adeguamento del canile e per valutare le diverse richieste di Enpa - conclude Pula - L’acquisto del terreno consentirà infatti di procedere con la progettazione degli interventi necessari per il canile e anche per l’infermeria felina. L’obbiettivo è quello di portare avanti il lavoro di Giovanna Buscaroli per la cura dei gatti randagi ammalati e incidentati, e la struttura dovrà mantenere le sue finalità istitutive di infermeria felina. Questo territorio ha sempre collaborato con le associazioni di volontariato che si occupano dei cani e dei gatti ritenendo che le finalità di tutela degli animali siano, al di là delle competenze attribuite dalla legge, espressione di una società civile. Per arginare il fenomeno del randagismo felino e canino è indispensabile l’aiuto dei cittadini, che devono porre in essere comportamenti responsabili come evitarne l’abbandono, identificare gli animali con il microchip e controllare la nascite con la sterilizzazione delle femmine".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento