menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I volontari di Legambiente ripuliscono gli stradelli: "Serve una riviera 'plastic free'"

L’associazione si rivolge agli stabilimenti balneari e all’amministrazione affinchè si collabori assieme a una riviera plastic free già dalla stagione 2020

Più di un centinaio le persone che domenica mattina hanno risposto all’appello per la pulizia degli stradelli di Marina di Ravenna. "Un risultato che da un lato è sicuramente dovuto al sostegno dell’iniziativa da parte di associazioni e istituzioni e dall’altro nasce da una crescita della sensibilità per la cura del proprio territorio - commenta Legambiente - Con questa edizione denunciamo ancora una volta l’importante quantità di rifiuti che è possibile rinvenire lungo gli stradelli retrodunali a conclusione della stagione estiva. Ancora una volta siamo a segnalare la presenza di numerosissimi bicchieri e cannucce di plastica negli stradelli e all’interno della pineta. Una concentrazione tale da richiedere forti interventi di sensibilizzazione verso i fruitori della riviera e di riduzione del loro utilizzo da parte degli stabilimenti balneari”.

L’associazione si rivolge allora agli stessi stabilimenti e all’amministrazione affinchè si collabori assieme a una riviera plastic free già dalla stagione 2020, anticipando il recepimento della Direttiva europea sulla riduzione della plastica usa e getta e sostituzione con riutilizzabile e compostabile, intensificando le azioni rispetto a quanto riportato nel protocollo “Il mare dice basta”. “Lavorare nel merito di questi obiettivi significherebbe venire incontro alla crescente sensibilità di buona parte dell’opinione pubblica e contribuire alla possibile risoluzione dell’emergenza plastica - continuano gli ambientalisti - Non si tratta di un’operazione impossibile, visto l’impegno di stabilimenti come il Finisterre che ha scelto il compostabile e che ha ospitato l’iniziativa.

La mattina è stata organizzata all’interno del Festival del Turismo Responsabile IT.A.CA’ a cura di Happyminds e Oway, con la fondamentale collaborazione di Croce Rossa Italiana, Ortisti di Strada, Fridays for Future Ravenna, UNIamoci, Trail Romagna, WWF Ravenna, Auser Ravenna, Re di Girgenti, Pro Loco di Marina di Ravenna con il supporto e la collaborazione di CEAS 21 Comune di Ravenna e della Cooperativa Spiagge Ravenna. Inoltre, in contemporanea, si sono svolte attività di pulizia a Punta Marina a cura della Pro Loco e comitato cittadino di Punta Marina e a Savarna grazie ai comitati cittadini di Savarna, Grattacoppa e Coventello.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento