rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

Il biscotto "Zucarén" è il primo prodotto ravennate con denominazione di origine comunale

Il biscotto casareccio di Ravenna guadagna questo riconoscimento che ha l'obiettivo di valorizzare la ricetta tradizionale. Sarà prodotto da 8 imprese del territorio

È stato presentato giovedì pomeriggio, al Mercato Coperto di piazza Andrea Costa a Ravenna, il primo prodotto che ha conseguito, per Ravenna, la Denominazione Comunale di Origine (De.C.O.) riconoscimento istituito e concesso dall’Amministrazione Comunale al fine di tutelare e valorizzare un prodotto tipico, una ricetta tradizionale, un’attività agroalimentare o un prodotto dell’artigianato in stretta correlazione col territorio e la sua comunità.

A ricevere il primato di primo prodotto tipico di Ravenna è il biscotto "Zucarén - Il biscotto casareccio di Ravenna", prodotto dalla cooperativa Deco Industrie, che ha il suo stabilimento produttivo a San Michele, e da essa commercializzato con il nome “Drin Drin” e dai seguenti sette forni: Ago s.r.l. di via Faentina 10; Ceccolini Giancarlo & c. s.a.s. di via D'Azeglio 3/c; La Ravegnana di Vincenzi Enzo & Scarpi Ester s.n.c. di via Ravegnana 165; Missiroli di Missiroli Gianluca & c. s.n.c.; via Fiume Abbandonato 271; Nonna Iride di Beatrice Bendazzi e c. s.a.s. di via Destra Canale Molinetto 61; Sweet Flavors di Selleghini Federica, di via Bassano del Grappa 25; La Fornarina di Togni Andrea & c. s.n.c. di via Petrosa 102 a Campiano.

Tutte le otto imprese lo prepareranno secondo il disciplinare approvato dal Comune, in particolare dalla commissione partita dalla proposta di Deco industrie in collaborazione con il sindacato dei panificatori e che si è avvalsa della collaborazione di Slow Food - condotta di Ravenna. Le prime notizie del biscotto tipico risalgono al Cinquecento, con la produzione nei forni locali e a seguire nei conventi; il biscotto era particolarmente apprezzato in occasione di cerimonie e ricorrenze, addirittura considerato di buon auspicio per le coppie di sposi. Una ricetta antica fatta di ingredienti semplici e genuini: farina, zucchero, uova.

L’istituzione della De.C.O e il regolamento per la tutela e la valorizzazione delle attività agroalimentari e artigianali tradizionali locali sono stati approvati all’unanimità dal consiglio comunale a febbraio, con l’obiettivo di valorizzare i prodotti tipici locali e affermare, attraverso questi, l’identità del territorio. Per ulteriori informazioni su come candidare un prodotto all’ottenimento della De.C.O. e sui requisiti necessari si può consultare la relativa pagina sul sito del Comune.

“L'istituzione del regolamento De.C.O. è frutto di un lavoro congiunto tra l'Amministrazione e tutte le associazioni di categoria – affermano gli assessori a Commercio e artigianato, Annagiulia Randi, e al Turismo Giacomo Costantini – e rappresenta uno strumento a sostegno delle imprese volto alla valorizzazione della nostra tradizione culturale, del nostro patrimonio agroalimentare e artigianale. Un veicolo di promozione di Ravenna attraverso le sue eccellenze. Oggi presentiamo alla città il primo prodotto a marchio De.C.O. e auspichiamo che anche altre realtà produttive e artigianali del nostro territorio siano interessate a promuovere prodotti tipici ravennati e ad accedere a questo importante riconoscimento”.

_IN_9256_post_1-2_IN_9152_post-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il biscotto "Zucarén" è il primo prodotto ravennate con denominazione di origine comunale

RavennaToday è in caricamento