Cronaca

Il centro connesso ai porti storici: Ravenna sperimenta un nuovo sistema di bike sharing

L’incontro di giovedì ha avuto inizio con i saluti istituzionali di benvenuto dell’assessore alla Mobilità Roberto Fagnani.

Si è svolto giovedì, nel salone nobile di palazzo Rasponi dalle Teste, il meeting  sull’ attività di lavoro avviata anche dal Comune di Ravenna nell’ambito del progetto cofinanziato con fondi europei Sutra (Sustainable transport in Adriatic coastal areas and hinterland). Il comitato di coordinamento, formato dai rappresentanti dei partner italiani e croati, tra cui il Comune di Ravenna, si è riunito per la terza volta con lo scopo di monitorare l’attuazione del progetto ed orientare il lavoro dei prossimi mesi. Grazie al progetto Sutra è in programma per l’anno prossimo la realizzazione di cinque postazioni intermodali di bike sharing dotate di biciclette a pedalata assistita e collocate in punti strategici, a servizio di cittadini e turisti che vogliano utilizzare un mezzo di trasporto sostenibile per spostarsi all’interno del territorio. I lavori per la loro installazione sono già stati avviati in piazzale Aldo Moro per la zona Darsena e progressivamente si sposteranno nelle altre aree destinate.

L’obiettivo primario di Sutra è di promuovere la mobilità sostenibile nelle città costiere dell’Adriatico orientate al turismo, creando nuove soluzioni di trasporto multimodale, integrato dall'utilizzo delle biciclette condivise. Il fine è quello di contribuire al miglioramento della qualità della vita di residenti e turisti e di incrementare l’ attrattività e la fruizione del territorio. L’incontro di giovedì ha avuto inizio con i saluti istituzionali di benvenuto dell’assessore alla Mobilità Roberto Fagnani. "Il nuovo servizio di bike sharing - ha detto Fagnani - sarà in grado di connettere in modo rapido e sostenibile il centro della città con i porti storici del territorio (Porto Corsini, Marina di Ravenna, Antico Porto di Classe e darsena di Città, oltre che al museo Classis), mentre la pedalata assistita darà la possibilità di usufruire del servizio anche a coloro che non sono abituati a coprire distanze più lunghe. Tutto questo rientra nelle nostre politiche di mobilità che dopo l’approvazione del Piano Urbano di Mobilità Sostenibile stiamo cercando di perseguire per dare ai nostri cittadini un modo diverso di spostarsi e una qualità ambientale e dei luoghi migliore".

Le attività sono proseguite con il monitoraggio dell’andamento finanziario del progetto e successivamente è stato presentato un resoconto delle attività tecniche portate avanti da ciascun partner nel primo anno di progetto. Nel pomeriggio i partecipanti sono stati accompagnati in una study visit presso le postazioni di bike sharing in via di realizzazione e nel museo della Città e del Territorio Classis. Sutra rientra nel programma di cooperazione transfrontaliera Interreg V-A Italia-Croazia, tra i 10 progetti approvati dalla Comunità europea in Italia nel quadro dell’Asse prioritario 4 relativo al trasporto marittimo. Oltre al Comune di Ravenna sono coinvolti dieci partner, sei italiani e quattro croati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il centro connesso ai porti storici: Ravenna sperimenta un nuovo sistema di bike sharing

RavennaToday è in caricamento