Il decreto chiude anche le 'palestre della salute': "Servizio essenziale per la salute dei pazienti"

"Le palestre "pps ama", certificate dalla Regione Emilia-Romagna, nascono sulla base dell’evidenza scientifica che l’esercizio fisico sia un farmaco naturale estremamente efficace"

“Le palestre per la salute, che erogano attività motoria adattata, sono un presidio di salute pubblica e forniscono un servizio irrinunciabile a migliaia di utenti affetti da patologie croniche della nostra Regione. Chiediamo al Governo e alla Regione di intervenire tempestivamente con un chiarimento che consenta alle nostre palestre di continuare a operare, a tutela della salute dei nostri utenti”. È Luca Pomidori, rappresentante regionale delle palestre per la salute della Regione Emilia-Romagna, insieme alle palestre per attività motoria adattata presenti sul territorio, a dare voce allo smarrimento per chi ha investito professionalmente in questo percorso, ma soprattutto ai cittadini affetti da patologie croniche.

Il dpcm del 24 ottobre, infatti, ha disposto la sospensione dell’attività di tutte le palestre, ad eccezione delle attività con presidio sanitario obbligatorio o che effettuino l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza (Lea). Le palestre certificate "pps ama" (palestre per la salute che erogano attività motoria adattata), pur erogando servizi a seguito di indicazione medica, ad oggi svolgono un servizio a totale carico del richiedente, senza intervento del servizio sanitario nazionale. “Ci troviamo pertanto in una situazione indefinita – prosegue Pomidori – che non ci classifica né tra le palestre tradizionali in cui viene svolta attività di fitness, né tra le palestre che erogano prestazioni mediche. Sospendere la nostra attività significa però privare migliaia di utenti di un servizio indispensabile alla loro salute”.

"Le palestre "pps ama", certificate dalla Regione Emilia-Romagna, nascono infatti sulla base dell’evidenza scientifica che l’esercizio fisico sia un farmaco naturale, estremamente efficace nel percorso di trattamento di numerose patologie croniche - spiega Vartanova Katya Agopop, titolare della palestra che promuove salute per attività motoria adattata Sano Medical Fitness di Faenza - Grazie alla partnership tra sistema sanitario e soggetti pubblici e privati del territorio, è stata così creata negli ultimi anni una rete che conta più di 198 centri in Emilia-Romagna: palestre non sanitarie, ma che operano in costante contatto con il sistema sanitario, anche attraverso una formazione specifica sull’attività motoria adattata, coordinata dal servizio sanitario regionale. L’utenza è composta per la maggior parte da persone con patologie croniche che, al termine del percorso riabilitativo, necessitano di mantenere o migliorare le proprie capacità funzionali e la qualità della vita: persone affette da patologie muscolo-scheletriche e neuro-muscolari, cardiovascolari, dismetaboliche, oncologiche e respiratorie".

“In seguito al prolungato e necessario lockdown disposto tra marzo e maggio abbiamo purtroppo osservato, nei nostri utenti più fragili, perdita di autonomia e una pericolosa riacutizzazione dei rispettivi quadri clinici, dovuti alla mancanza di esercizio fisico strutturato”. Riacutizzazioni che, rileva Pomidori, “potrebbero portare a ospedalizzazioni e incremento di terapia farmacologica, oltre che un appesantimento della problematica sociale. Altro che attività non essenziali, quindi. Le palestre "pps ama" sono un presidio di salute pubblica, che aiutano a demedicalizzare il paziente cronico e abbassare i costi sanitari. La nascita delle palestre per la salute è un percorso virtuoso fortemente voluto sia dal Ministero della Salute sia dalla Regione, ma in questi anni non sono state reperite risorse pubbliche per poter far rientrare queste attività nei livelli essenziali di assistenza garantiti dal sistema sanitario. Sono stati quindi i singoli imprenditori a investire risorse per offrire un'opportunità di salute agli utenti fragili e con patologie croniche e, di conseguenza, al servizio sanitario regionale stesso. Ora chiediamo alla Regione e al Ministero della Salute un tempestivo chiarimento al dpcm del 24 ottobre, che ci consenta di continuare ad operare. Lo faremo in piena sicurezza, adottando con massima scrupolosità tutte le misure previste dai protocolli vigenti, come abbiamo sempre fatto in tutti questi mesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento