Cronaca

Il "Dis-Ordine" lascia l'ex convento cappuccino e cerca casa

Serve uno spazio multifunzionale che si possa usare come laboratorio, archivio, esposizioni, dimostrazioni, consulenze e scambi intergenerazionali

A pochi giorni dall’ultima esperienza nella città gemella di Chartres, il Dis-Ordine cambia casa. Dall’ex-convento cappuccino sede della Fraternità San Damiano in via Oberdan si trasferisce in via Venezia, 26. Il direttivo dell’Associazione saluta e ringrazia Padre Claudio Ciccillo e i suoi collaboratori per l’ospitalità concessa con un’opera dedicata a San Damiano, realizzata a più mani dai maestri del Dis-Ordine, Mauro Bartolotti, Fulvio Fiorentini e Edoardo Missiroli.

Il nuovo locale che ospiterà provvisoriamente materiali, documenti e opere che l’Associazione ha concretizzato nei suoi quasi tre anni di vita è una piccola stanza concessa momentaneamente nei locali della cooperativa Villaggio Globale da Andrea Caccìa. Una piccola opportunità per continuare ad avere un punto di riferimento per le giovani generazioni di artisti che stanno apprezzando sempre di più la condivisione di esperienze e progetti, sicuri delle loro scelte, ma ancora in cerca di conferme e consigli. Serve uno spazio multifunzionale che si possa usare come laboratorio, archivio, esposizioni, dimostrazioni, consulenze e scambi intergenerazionali. Un’officina dinamica aperta al dialogo con tutte le realtà artistiche e formative della città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "Dis-Ordine" lascia l'ex convento cappuccino e cerca casa

RavennaToday è in caricamento