menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il dono dell'associazione ai pazienti ricoverati: arrivano i televisori nel reparto di ortopedia

La donazione ha lo scopo di rendere meno greve la degenza e la riabilitazione dei pazienti, isolati a causa dell'emergenza pandemica

L’Associazione Cuore e Territorio ritorna al reparto di ortopedia dell’ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna e, dopo la donazione della scala ortopedica ad angolo avvenuta il 19 marzo, per rendere meno greve la degenza e la riabilitazione dei pazienti ricoverati, isolati loro malgrado per il persistere della pandemia, fornisce una prima partita di televisori per sopperire alla momentanea mancanza in alcune camere del reparto. I primi televisori sono stati  consegnati al reparto di Ortopedia dell’Ospedale Santa Maria delle Croci alla presenza del Direttore sanitario Francesca Bravi, del direttore di Ortopedia Alberto Belluati e della Capo Sala di Ortopedia Borghesi Laura. Per Cuore e Territorio, invece, era presente oltre al presidente Morgese, anche il segretario Sandro Pati.

Cuore e Territorio, riferisce il presidente Morgese: “pur essendo una associazione di volontario  a vocazione cardiologica e molto attenta alle esigenze sanitarie della città di Ravenna. E’ Nata nel 1997 e si rivolge ai cittadini con programmi di prevenzione e supporto della patologia cardiovascolare e medicina generale con modalità integrate tra mondo ospedaliero e territorio; promuove iniziative  ed implementa strategie per la prevenzione ed il controllo dei fattori di rischio cardiovascolare; sostiene progetti a tutela della prevenzione cardiovascolare e in generale della salute del cittadino; sostiene attività di strutture ed enti del Ssn, mediante donazioni per attrezzature scientifiche e formazione, nonché tramite raccolta ed erogazione di fondi finalizzati alla realizzazione di progetti socio assistenziali; collabora con scuole, associazioni, gruppi, e istituzioni attuando campagne di informazione per responsabilizzare i giovani sulle tematiche di droghe, alcool, devianze giovanili, bullismo, cyber bullismo, in tutti i loro risvolti, dall’ambito penale a quello psicologico”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento