Il Nas dei carabinieri multa un negozio di kebab: scarse misure igieniche

Nell'ambito di specifici servizi disposti dal comando carabinieri per la tutela della salute (Nas) di Bologna, i militari dell'Arma hanno eseguito alcune attività ispettive in diversi locali

Nell’ambito di specifici servizi disposti dal comando carabinieri per la tutela della salute (Nas) di Bologna, i militari dell’Arma hanno eseguito alcune attività ispettive in diversi locali di ristorazione del faentino per verificare il rispetto delle procedure di preparazione dei prodotti alimentari, dell’autocontrollo e della rintracciabilità degli alimenti utilizzati. L’attività ispettiva ha avuto inizio da alcune segnalazioni dei carabinieri della compagnia di Faenza che provvede costantemente al monitoraggio degli esercizi pubblici comprendenti minimarket, kebab, ristoranti etnici e take away che ci sono nel territorio.

In particolare, è finito nel mirino dei Nas un venditore kebab che si trova a Faenza. Al titolare, originario del Pakistan, sono state contestate alcune irregolarità che riguardano l’inosservanza dei requisiti generali in materia di igiene previsti dal regolamento europeo a tutela della salute dei consumatori. La normativa europea, infatti, fissa una serie di obiettivi di sicurezza alimentare che ogni impresa di ristorazione è tenuta a soddisfare, stabilendo anche pesanti sanzioni in caso di inosservanza. Nello specifico, i carabinieri del Nas accompagnati dai colleghi della compagnia di Faenza hanno accertato anche l’assenza di idonee misure di autocontrollo che gli operatori del settore nella produzione di alimenti devono seguire per prevenire l'insorgere di problemi igienico-sanitari ed evitare rischi per la salute dei consumatori. Oltre tremila euro di sanzioni pecuniarie sono state elevate nei confronti del titolare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre, le carenze accertate sono state segnalate al dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl della Romagna che ha emesso un provvedimento di sospensione dell’attività fino a quando il locale non sarà adeguato agli standard igienico sanitari previsti dalla normativa vigente, imponendo misure di igienizzazione adeguate per garantire la sicurezza degli alimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Il forte vento mette in ginocchio gli alberi, due auto travolte dai tronchi precipitati

  • Carambola sull'Adriatica, dopo il tamponamento lo scontro frontale: grave uno scooterista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento