Il nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri De Donno si presenta alla città

"Penso che l'Arma debba essere innanzitutto l'Arma del territorio, a favore e vicina al cittadino. Noi siamo parte e viviamo e lavoriamo sul territorio, ne siamo parte integrante"

Foto Massimo Argnani

Si è ufficialmente presentato alla città il Colonnello Marco De Donno, nuovo Comandante provinciale dell'Arma dei Carabinieri che dallo scorso 7 settembre ha assunto il comando a Ravenna sostituendo il collega Roberto de Cinti, che ha lasciato la città dopo tre anni di servizio.

"Il mio predecessore mi ha sempre detto di venire a conoscere Ravenna, e ora ne ho l'occasione - ha ironizzato il neo Comandante - L'impatto con la città è stato assolutamente piacevole, sia sotto il profilo ambientale che per gli incontri fatti con le istituzioni, ho sentito una completa sinergia per poter lavorare serenamente. Quello di Ravenna è sicuramente un territorio molto, molto laborioso, ricco di storia e di cultura, una piacevole scoperta per quel poco che ho visto. Cercherò di lavorare nel miglior modo possibile sulla scia dei miei predecessori. Ho già incontrato il Prefetto, il Procuratore, il Sindaco e tutti gli uffici giudiziari. Penso che l'Arma debba essere innanzitutto l'Arma del territorio, a favore e vicina al cittadino. Noi siamo parte e viviamo e lavoriamo sul territorio, ne siamo parte integrante".

De Donno, nato a Voghera il 6 luglio 1969 e laureato in Scienze della sicurezza interna ed esterna (con un Master per esperti in Scienze della sicurezza e dell'organizzazione), si è arruolato nell'Arma come ufficiale di complemento. Ha girato l'Italia dal Veneto fino alla Sicilia, tra le varie esperienze è stato Comandante del nucleo operativo e radiomobile a Mazara del Vallo dal '93 al '96, è stato caposezione dell'ufficio infrastrutture del Comando generale dell'Arma a Roma, dal 2011 al 2016 Comandante del reparto operativo del comando provinciale di Bologna e infine, fino a qualche giorno fa, ha ricoperto il ruolo di capo ufficio logistico e capo di Stato maggiore della Legione Veneto a Padova, fino alla nomina a Ravenna.

"La mia esperienza mi porta ad aver diversificato molto - spiega De Donno - Ogni realtà ha la sua peculiarità, spero di poter approfondire anche la realtà ravennate che so che è molto bella, è ricca anche sotto il profilo delle esigenze, dall'agricolo, all'industriale, al porto. Con de Cinti ci siamo confrontati, ovvio che poi ognuno scopre e affronta le priorità in maniera idonea per quelle che sono le circostanze che si verificano. La priorità in assoluto è quella di garantire la presenza costante dei servizi a favore della collettività attraverso le stazioni Carabinieri, che sono ben 40 in un territorio comunque vasto che va dal mare agli appennini e ha anche un'estensione stradale particolarmente vasta. Ma credo ci siano tutti gli strumenti per poter lavorare bene".

"Le problematiche le affronteremo volta per volta - conclude il Comandante - E' sicuramente un momento particolare tra Covid, referendum, elezioni a Faenza. Quella del Covid sicuramente è una situazione da seguire molto attentamente, sia sotto il profilo di attenzione e di tutela ma soprattutto nei confronti della quotidianità della cittadinanza che continua a muoversi, lavorare, sono iniziate le scuole e più degli anni passati bisogna fare attenzione. Anche noi come Arma dovremo continuare a mantenere questa attenzione. L'esperienza fatta spero mi aiuti a lavorare bene".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Foto Massimo Argnani

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Coronavirus, si aggiorna la lista dei contagiati: altri casi per contatti familiari

  • Finisce con le ruote nello scavo del cantiere stradale e si schianta contro un escavatore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento