menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il parco della Magione intitolato al 'sindaco' di Borgo Durbecco Giuliano Bettoli

Giuliano Bettoli, nato a Faenza il 5 febbraio 1931, è stato per anni la voce ironica, pungente e goliardica della città, il faentino che forse più di ogni altro si è adoperato per preservare la cultura dialettale

Sabato 1 giugno alle 16.00, presso il parco della Magione in piazza Fra Sabba a Faenza, è programmata la cerimonia ufficiale di intitolazione del parco a Giuliano Bettoli (5 febbraio 1931 - 3 giugno 2017). A due anni dalla sua scomparsa, Faenza ricorda con affetto questo suo concittadino, un personaggio straordinario della cultura romagnola.

“Il nuovo parco della Magione "Giuliano Bettoli" rappresenta il tributo della città al nostro illustre concittadino, scrittore, studioso, autore di testi teatrali e poesie dialettali - spiega il sindaco Giovanni Malpezzi – il faentino che più di ogni altro si è adoperato per preservare la cultura e le tradizioni locali attraverso un impareggiabile uso dei più diversi registri linguistici ed espressivi”. Inoltre, sempre per ricordare la figura di Giuliano Bettoli, lunedì 3 giugno alle 20.45 nella chiesa della Commenda si terrà un concerto degli studenti della scuola Strocchi di Faenza.

Giuliano Bettoli, nato a Faenza il 5 febbraio 1931, è stato per anni la voce ironica, pungente e goliardica della città, il faentino che forse più di ogni altro si è adoperato per preservare la cultura dialettale, prima attraverso le radio locali, poi sulla rivista 2001 Romagna, da lui fondata. Premiato come “Faentino sotto la Torre” nel 1982, autore di testi teatrali e poesie dialettali, Bettoli è stato un apprezzato studioso della storia e della cultura faentina e un infaticabile scrittore. Ha tenuto rubriche sui settimanali faentini Il Piccolo e Sette Sere e ha anche collaborato con la redazione faentina del Resto del Carlino. Con Luigi Antonio Mazzoni ha dato un importante contributo alla Filodrammatica Berton, di cui era ancora presidente al momento della sua scomparsa. Una figura poliedrica e dinamica, una vera e propria memoria storica della città, un riferimento non solo per gli appassionati di vicende faentine, ma anche per gli studiosi del dialetto, delle tradizioni locali, del Borgo Durbecco, in cui ha sempre vissuto e di cui amava simpaticamente definirsi ‘sindaco’, e della chiesa della Commenda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento