rotate-mobile
Cronaca

Il sindaco in consiglio elenca le priorità: "Svolta epocale sui servizi sociali"

La "sfida epocale", prosegue il primo cittadino, è quella del rientro dei servizi sociali in amministrazione comunale. Dall'1 gennaio 2017 ci sarà un'unica forma di gestione diretta

Dal ritorno dei servizi sociali in mano all'amministrazione comunale all'escavo dei fondali del porto, che deve partire subito. In merito entro un mese dovrebbe arrivare la scelta del nuovo presidente dell'Autorita' portuale. Dal rinnovato progetto di bypass sul Candiano a uno provinciale di videosorveglianza. Il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale, illustra lunedì pomeriggio in Consiglio comunale le linee programmatiche del mandato 2016-2021. 

A cui però non segue il dibattito, rinviato alla seduta di giovedì. De Pascale tiene la parola per circa un'ora, precisando in apertura che "dal programma politico nei prossimi mesi si passerà a un documento con votazione in Consiglio". Comunque, al di là delle visioni diverse, l'auspicio è "trovare delle possibili convergenze, in trasparenza, in quest'aula". Il sindaco spezza il suo intervento per capitoli, partendo dal "vivere bene". Che si coniuga con una nuova visione del territorio. Entro un anno e mezzo, conferma, sarà pronto il nuovo Poc "in fortissima riduzione. Il quadro – aggiunge - è vincolato da un Psc molto pesante, ma si possono prendere decisioni forti", con un "focus molto marcato su rigenerazione e riqualificazione". Cambiamenti possibili anche per il Poc darsena, l'unico vigente. Si punterà  poi sulle eccellenze ambientali e sulla protezione del territorio, anche in chiave turistica. 

 La "sfida epocale", prosegue il primo cittadino, è quella del rientro dei servizi sociali in amministrazione comunale. Dall'1 gennaio 2017 ci sarà un'unica forma di gestione diretta dai Comuni in attesa di trovare la giusta dimensione istituzionale. Sul fronte sicurezza, oltre a un aumento degli organici, si lavora a "un progetto provinciale per nuova frontiera della videosorveglianza", sul modello di quanto fatto a Castelbolognese. Altro tema caldo è quello della mobilità, a partire dal collegamento città-forese, per il quale "i servizi devono plasmarsi su bisogni dei cittadini". Ravenna vuole poi giocare la sua partita in tema di sanità e di rifiuti, tra chiusura dell'inceneritore, entro il 2018, "il più obsoleto in regione", e la nuova gara indetta da Hera "con parametri cambiati: il 70% per l'offerta tecnica e il 30% per quella economica". Arrivando al Candiano, come confermatogli oggi dal ministro Graziano Delrio, "entro un mese ci sarà l'insediamento delle nuove Autorità portuali, un passaggio fondamentale". Intanto è proseguito il lavoro per l'impianto di lavaggio dei sedimenti il cui tempo di realizzazione è di tre anni. E occorre "partire subito a scavare". Risorge anche il progetto del bypass per liberare la stazione dalle merci.

L'amministrazione sarà poi un "mastino" sul governo per i collegamenti viari. De Pascale non dimentica chimica e offshore, in programma l'8 agosto un incontro con Eni a Roma; così come il turismo con la sfida per qualificare le strutture ad aria aperta e il ricettivo dando ai lidi una "vocazione specifica", senza tralasciare il nudismo "di qualità" a Lido di Dante. "La filiera 0-6 è una nostra grande eccellenza", aggiunge De Pascale, da "potenziare e qualificare", puntando a un "unico percorso di crescita dall'asilo nido all'Universita''". Sul fronte decentramento tutti gli uffici avranno gli stessi stessi e servizi aumentati. "Nessun cedimento" sull'immigrazione, "la parte della Lega la facciamo fare alla Lega", si avvia alla conclusione De Pascale confermando il "ruolo strategico della cultura", dove occorre mettere mano a un "quadro frammentato", con tante proprietà e gestioni diverse. Si tratta, conclude, di un "programma ambizioso, c'è da correre e avere un pizzico di fortuna". Serviranno "capacita'' di ascolto e confronto", per poi decidere. (Agenzia Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco in consiglio elenca le priorità: "Svolta epocale sui servizi sociali"

RavennaToday è in caricamento