Cronaca Cervia

Il sindaco scrive all'ufficio scolastico regionale: "Troppi alunni, istituire una quarta classe prima"

L'amministrazione comunale di Cervia ha inviato una lettera al Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale chiedendo l'attivazione di una quarta classe prima

L'amministrazione comunale di Cervia ha inviato una lettera al Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale chiedendo l'attivazione di una quarta classe prima presso la scuola secondaria di primo grado dell'Istituto comprensivo Cervia 3, la stabilizzazione di tale organico aggiuntivo anche per gli anni scolastici 2022-2023 e 2023-2024 e di provvedere a una redistribuzione degli alunni fra i due istituti comprensivi nel caso tale ipotesi non fosse praticabile.

"A fronte di 108 iscrizioni presso l’I.C. Cervia 2 e 81 iscrizioni all’ I.C. Cervia 3, le iscrizioni prevedono 5 classi prime per l’Istituto Cervia 2 e 3 classi prime per l’Istituto Cervia 3 - si legge nella lettera firmata dal sindaco Massimo Medri e dall'assessore alla pubblica istruzione Cesare Zavatta - La presenza, però, di 9 alunni certificati, di cui 3 con notevole gravità presso l’ I.C.2 e 4 alunni certificati presso l’ I.C.3, alcuni dei quali, allo stesso modo, con notevole gravità, richiederebbero l’attivazione (soprattutto in questo periodo di epidemia e perdurante necessità di distanziamento) di 9 classi in totale (5 a Cervia 2 e 4 a Cervia 3) al fine di creare gruppi classe di circa 21 alunni che permetterebbe una migliore inclusione e una minore necessità per l’Ente pubblico di reperire locali aggiuntivi per la didattica, poiché quelli presenti sono adeguati per classi di 22- 23 alunni, con il distanziamento attualmente necessario. Per questi motivi siamo a richiederle l'attivazione di una quarta classe prima presso la scuola secondaria di primo grado dell'Istituto comprensivo Cervia 3, utilizzando l'aggiuntiva disponibilità di organico derivante dalle aggiuntive risorse economiche contro l'epidemia Covid; si chiede, inoltre, che tale organico aggiuntivo, sia stabilizzato e fatto rientrare nella dotazione organica di fatto, anche per gli anni scolastici 2022-2023 e 2023-2024; nel caso tale ipotesi non fosse praticabile, di provvedere a una redistribuzione degli alunni fra i due istituti comprensivi di cui sopra, con la collaborazione dei Dirigenti interessati, al fine di soddisfare ugualmente l'indirizzo politico espresso dalla Giunta, pur nella consapevolezza che tale ipotesi risulti al momento difficilmente praticabile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco scrive all'ufficio scolastico regionale: "Troppi alunni, istituire una quarta classe prima"

RavennaToday è in caricamento