Cronaca

Il velista franco-romagnolo che farà il giro del mondo da solo e senza scalo

Il 1 luglio 2018 Patrick Phelipon partirà per la regata in solitario e senza scalo attorno al mondo, la Golden Globe Race 2018

Il 1 luglio 2018 partirà la regata in solitario e senza scalo attorno al mondo, la Golden Globe Race. Tutti i venti partecipanti devono avere il certificato Isaf Osr che si ottiene partecipando ad un corso autorizzato da Isaf e Federvela, specifico per la sicurezza in mare. Patrick Phelipon, è uno dei partecipanti a quella regata e ha scelto di ottenere questo certificato partecipando al corso del 18 e 19 novembre a Marina di Ravenna, organizzato dallo Yacht Club Romagna, uno dei cinque enti riconosciuti in Italia per conferire questo titolo.

La vasta esperienza di Patrick, come progettista e regatante, contribuirà quindi alla qualità del corso, che consiste anche in un confronto tra le esperienze dei partecipanti: tra quelle di Patrick c’è il giro del mondo in regata con Eric Tabarly. "Chi conosce i precedenti di questa durissima regata sa che, oltre alla preparazione tecnica, è necessaria e fondamentale la preparazione mentale - spiega il presidente di Ycr Pietro Calvelli - Ritengo che questa partecipazione contribuisca alla qualificazione di Marina di Ravenna e al suo comprensorio nautico, gravemente compromessa dalla pessima gestione del Porto Turistico".

Patrick Phelipon nasce nel 1953 con la vela nel sangue. A 19 anni partecipa alla prima edizione della Whitbread Round the World Race con Eric Tabarly. Poi raggiunge Cino Ricci in Italia per preparare e partecipare a 3 campagne per l’ Admiral’s Cup compresa quella del tragico Fastnet del ‘79. Stabilitosi in Italia lavora come progettista e costruttore navale, velaio ed esperto di alberature. Prima in Romagna sull’Adriatico e poi a Pisa sul Tirreno opera come skipper, tattico o sail trimmer partecipando a moltissime regate in Mediterraneo, in Atlantico, nel mare del Nord e nel mare Rosso e ottenendo numerosi e importanti successi. Negli ultimi anni “l’appel du large” si fa sentire con grande intensità e decide di iscriversi alla Golden Global Race 2018 attratto da questa nuova av ventura che gli farà ripercorrere la rotta già seguita nel 1973. Lo appassiona l’idea di ripartire dal principio con una barca attrezzata come quelle degli inizi della sua grande passione per la vela e il mare. Ritrovare un ritmo dettato dalla natura senza voler modificare il suo ritmo con sistemi moderni che non lasciano spazio all’avventura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il velista franco-romagnolo che farà il giro del mondo da solo e senza scalo

RavennaToday è in caricamento