menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imbrattamenti contro la Lega a Lugo: individuati i vandali autori del gesto

Il sindaco Ranalli: "Ci muoveremo con ogni azione necessaria a sanare questa ferita. Ringrazio ancora le forze dell’ordine per il grande lavoro che hanno fatto ancora una volta"

Sono stati individuati i vandali che, a maggio 2019, imbrattarono la città di Lugo con scritte contro la Lega. “La delicatezza dell’argomento e delle indagini, che sono sempre proseguite con grande impegno da parte delle forze dell’ordine, richiedeva prudenza per assicurare il pieno svolgimento dei dovuti approfondimenti e consentire la ricerca della verità – spiega il sindaco di Lugo Davide Ranalli ringraziando gli inquirenti per le indagini e assicurando la piena collaborazione dell'amministrazione - Silenzio non significa mancanza di lavoro, al contrario l’indagine giudiziaria non si è mai fermata e andrà avanti con i procedimenti previsti dalla legge per condannare chi si è reso responsabile degli atti di vandalismo che hanno deturpato la nostra città.

"Da parte dell’amministrazione comunale non è mai mancata la collaborazione e fin da subito abbiamo messo a disposizione degli inquirenti il materiale utile alle indagini - insiste il primo cittadino - Eravamo certi che le nostre forze dell’ordine avrebbero condotto scrupolosamente le indagini e a loro ci siamo affidati per far luce su una vicenda che ha colpito tutti i cittadini di Lugo, che non meritavano certamente di vedere la loro città ferita da quelle scritte. Come già detto in consiglio comunale, ci muoveremo con ogni azione necessaria a sanare questa ferita. Ringrazio ancora le forze dell’ordine per il grande lavoro che hanno fatto ancora una volta, noi non ne dubitavamo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento