Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Cervia

Imbrattamenti dei no-vax all'ospedale di Cervia: "Un intollerabile atto di vandalismo"

Dopo gli imbrattamenti dei giorni scorsi negli hub vaccinali dell'Esp e di San Pietro in Vincoli, questa volta a essere preso di mira è stato l'ospedale San Giorgio di Cervia

'No vax' ancora in azione. Dopo gli imbrattamenti dei giorni scorsi negli hub vaccinali dell'Esp e di San Pietro in Vincoli, questa volta a essere preso di mira è stato l'ospedale San Giorgio di Cervia, dove sono comparse le stesse scritte realizzate con una bomboletta spray rossa inneggianti contro il vaccino anticovid.

"Un intollerabile atto di vandalismo, un brutto episodio, palesemente in contrasto con l'impegno di tutti nella lotta al Coronavirus - commenta Antonio Emiliano Svezia, consigliere di Insieme per Cervia - Il vaccino e le altre misure di prevenzione (dpi, tracciamento, sanificazione e altro) sono gli strumenti più importanti per contrastare la pandemia. Come consigliere comunale continuerò a sostenere la necessità che la pandemia sia contrastata con tutti gli strumenti utili in coerenza con le previsioni costituzionali. Le nostre priorità sono il rafforzamento del servizio sanitario e la garanzia del diritto universale alla salute. Voglio esprimere la mia più totale solidarietà al personale che opera all’interno della struttura sanitaria".

"Un atto che come Comune condanniamo duramente e contro il quale stiamo prendendo tutti i provvedimenti del caso - commenta invece il sindaco Massimo Medri - È incredibile, a mio avviso, che dopo i mesi drammatici che abbiamo vissuto qualcuno perda tempo a compiere azioni come queste. L’economia del nostro territorio, i nostri ospedali hanno bisogno di tornare a una vita “normale”; ce lo chiedono in primis i nostri figli e i nostri nonni, che più di tutti hanno sofferto il distanziamento sociale. Chi compie questi gesti imbrattando “il bene comune” compie un atto vile contro tutte le persone che hanno sofferto, contro gli operatori e i medici che sono morti per salvare vite umane, e contro l’intera città. L’unica arma per tornare ad una vita normale è il vaccino, vacciniamoci e denunciamo a voce alta questi incivili, che vogliono costringere tutti gli altri a vivere ancora a lungo con regole di distanziamento sociale di cui tutti presto vorremo fare a meno, per tornare alla nostra amata normalità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imbrattamenti dei no-vax all'ospedale di Cervia: "Un intollerabile atto di vandalismo"

RavennaToday è in caricamento