rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Imparando fra tartarughe e motonave: il nuovo anno scolastico per gli alunni della scuola parentale

La scuola privata ravennate propone un metodo di studi piuttosto originale, basato sul concetto dell'home schooling e sulle esperienze dirette

E’ un avvio di anno scolastico ricco di esperienze originali per i giovani alunni dell’Accademia degli Studi di Ravenna, la scuola parentale bilingue che ha sede in viale Alberti. La quindicina di studenti che frequenta l’Accademia – con la modalità dell’home schooling, prevista dalla legge, che prevede appositi esami di idoneità a fine anno scolastico – si approcciaì al medesimo programma previsto dalle scuole statali, ma con un approccio completamente diverso. 

Si tratta di un metodo di studio basato sulla Tecnologia di Studio dell’educatore americano L. Ron Hubbard e che prevede la scelta della famiglia di provvedere direttamente all’educazione dei figli. Innanzitutto, gli alunni di questa particolare studiano assieme anche se sono di età diverse: attualmente, i ragazzini seguiti dalle insegnanti ravennati vanno dalla prima elementare alla seconda media nella stessa aula.

Il piano di studio prevede settimane di lezione monotematiche per singola materia, oltre alla matematica e all’italiano che vengono studiate ogni settimana: in pratica ogni settimana è dedicata a una materia. Alla fine di ogni argomento, trattato e compreso, i ragazzi ricevono un esame interno e un certificato relativo al corso solo se terminato con successo, altrimenti ritornano sul materiale fino ad una conoscenza totale dell’argomento.

Questa peculiare modalità didattica permette anche il costante confronto con esperienze esterne. A volte grazie al coinvolgimento in aula di “testimonial” specifici: una mosaicista per quanto riguarda le lezioni di arte, una musicista per la settimana di musica esperienziale, o persone provenienti da altri Paesi per le lezioni di lingua o di geografia.

A volte, invece, sono i ragazzi a uscire dalla scuola per andare a esplorare le esperienze della città. Per la settimana della scienza gli studenti sono stati ospiti del Cestha di Marina di Ravenna, il Centro Sperimentale per la Tutela degli Habitat, dove hanno potuto vedere le grandi tartarughe nelle loro vasche, e sono stati istruiti dagli operatori del Centro sulle dinamiche relative a questi affascinanti animali e sulle altre attività svolte dal Cestha.

Durante la settimana dedicata alla tecnologia, invece, gli alunni sono stati ospiti della motonave “Stella Polare” ancorata in Darsena, sul canale Candiano: accanto al comandante e all’equipaggio, hanno imparato come si attivano i motori, quali sono le strumentazioni di bordo e altri particolari legati alla navigazione. Nella stessa logica, poi, sono stati accolti dal personale delle ferrovie dello Stato in stazione a Ravenna, e hanno potuto vedere come funzionano i treni visitando anche la cabina di guida.

“La nostra è una metodologia ormai radicata in altri Paesi, ma ancora poco nota in Italia: ed è davvero molto stimolante e istruttiva per i ragazzi – sottolinea Elisa Guzzo, direttrice dell’Accademia degli Studi -. E’ un modello di scuola unico nel suo genere, che peraltro non prevede voti, ma una precisa ed accurata verifica della comprensione e competenza acquisite. Ogni studente lavora con i suoi ritmi, e viene seguito con grande attenzione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imparando fra tartarughe e motonave: il nuovo anno scolastico per gli alunni della scuola parentale

RavennaToday è in caricamento