rotate-mobile
Cronaca

In 500 alla scoperta della Torraccia, la torre costiera di avvistamento del 1670

Far conoscere a tanti la Torraccia, la torre costiera di avvistamento del 1670 nei pressi di via Marabina, e cominciare ad affrontare il tema di un suo possibile recupero conservativo

Far conoscere a tanti la Torraccia, la torre costiera di avvistamento del 1670 nei pressi di via Marabina, e cominciare ad affrontare il tema di un suo possibile recupero conservativo. Era l’obiettivo dell’iniziativa organizzata domenica in occasione della Festa delle Città Civili dell’Emilia Romagna. Considerando che alla fine della giornata si sono contati circa cinquecento partecipanti, il risultato pare davvero centrato.

“Ringrazio – commenta l’assessore all’Ambiente Guido Guerrieri, che ha partecipato alla manifestazione – tutti coloro che a qualsiasi titolo sono intervenuti, cittadini, associazioni e gruppi sportivi, per la sensibilità dimostrata. In particolare mi fa molto piacere che fossero presenti persone che non conoscevano la Torraccia e che ne hanno potuto scoprire l’affascinante storia proprio grazie a questa iniziativa. Parte da questa più che positiva esperienza un cammino alla ricerca di opportunità per tutelare questo prezioso bene”.

Importante strumento di diffusione del progetto è rappresentato da una pubblicazione, arricchita dai disegni di Giovanni Errani, che illustra le caratteristiche di questo lembo di periferia ravennate e ne evoca le tante suggestioni ispirate dall’intreccio tra arte, storia, natura, narrativa. L’iniziativa è stata organizzata nell’ambito della campagna Città Civili dell’Emilia Romagna, sollecitata dalla Regione e supportata dall’amministrazione comunale, all’interno di un progetto di valorizzazione e recupero dell’antico manufatto, di cui l’associazione Classe Archeologia e Cultura rappresenta il motore di avvio, affiancata da C.A.B. TER.RA, proprietaria del terreno e della torre, Comune di Ravenna, architetti Marco Turchetti e Caterina Panzavolta (autori, insieme ad altri professionisti, di uno studio di restauro del monumento) Carlo Zingaretti, portavoce gruppo di opinione “RavennaDomani”, che insieme a Ugo Capriani, restauratore, è portatore di un progetto di recupero conservativo, associazione Ekoclub impegnata in azioni di recupero e ripristino del territorio naturale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In 500 alla scoperta della Torraccia, la torre costiera di avvistamento del 1670

RavennaToday è in caricamento