In 58mila abitazioni arriva internet ultraveloce con la fibra ottica

Gli amministratori e i condomini saranno informati prima dell’avvio delle attività tramite apposito materiale illustrativo: l'intervento non prevede costi od oneri per i cittadini

Il Comune di Ravenna ha siglato una Convenzione con Open Fiber Spa, società compartecipata da Enel e Cassa Depositi e Prestiti, per la realizzazione sul territorio comunale di un’infrastruttura a banda ultra larga interamente in fibra ottica, che consenta una velocità di connessione fino a 1 Gbps (1000 Megabit al secondo). E’ prevista la copertura di circa 58mila unità immobiliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La convenzione era stata presentata a fine maggio in municipio dall’assessore allo Sviluppo economico e Ravenna Digitale Massimo Cameliani e da Marco Martucci, responsabile Network & Operations per il Nord Italia di Open Fiber. L’accordo consente di sistematizzare le modalità e i tempi di lavoro, oltre alle relative autorizzazioni; attribuisce a Open Fiber la gestione e la manutenzione dell’infrastruttura, oltre che la sua realizzazione; impegna la società a stabilire e rispettare standard tecnici e di sicurezza per le proprie ditte appaltatrici in modo da ridurre al massimo i disagi per i cittadini durante i lavori. La prima, e fondamentale, fase del Piano di Open Fiber consiste nel “walk-in”: si tratta dell’accesso da parte del personale della Società Ericsson (per conto della quale lavorano le imprese Mediacom, Tecnosoft e Actwo) - incaricato da Open Fiber e che sarà riconoscibile tramite apposito tesserino identificativo - esclusivamente nei locali contatori dei condomini per effettuare un sopralluogo. In caso di fattibilità, l’edificio verrà contestualmente predisposto all’intervento. In questa fase non verrà richiesto l’accesso agli immobili dei privati, i quali non saranno minimamente interessati dalle attività del “walk – in”. Tale intervento, che sarà realizzato nel rispetto della normativa tecnica vigente, non prevede costi od oneri per i cittadini, e gli elementi installati non necessiteranno di alimentazione elettrica. Gli amministratori e i condomini saranno informati prima dell’avvio delle suddette attività tramite apposito materiale illustrativo. Eventuali comprovati danni che dovessero essere arrecati durante la costruzione o l’esercizio di tale opera di utilità pubblica dovranno essere prontamente liquidati dalla ditta che realizza i lavori. 

20 milioni di euro per rendere la città "ultraveloce" entro il 2018

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Si tuffano in mare, vengono risucchiati dalle onde: tre vengono salvati, uno perde la vita

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Alberi caduti, nubifragi e allagamenti: i temporali seminano danni

  • Alessandro Borghese gira una puntata di "4 Ristoranti" in riviera

  • Presunto ordigno bellico: divieto di accesso ad una delimitata zona di spiaggia a Marina di Ravenna

Torna su
RavennaToday è in caricamento