Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

In crescita la coltura dell'erba medica di Legacoop Romagna

L’annata 2016 si conferma positiva per il settore dell’erba medica di Legacoop Romagna

Un migliaio di aziende agricole coinvolte, il 70% del prodotto disidratato destinato all’export, settemila ettari impegnati a foraggio e produzione di seme, sono numeri di una coltura in crescita: l’annata 2016 si conferma positiva per il settore dell’erba medica di Legacoop Romagna. Sono sette le realtà cooperative che lavorano in sinergia su quella che è considerata la regina delle piante foraggere: Sopred, Apros, CoNaSe, Promosagri e Cooperative Agricole Braccianti, Semia, Cooperativa Bonifica Lamone e C.A.C.

Un percorso che spazia dalla lavorazione dei foraggi, a quella del seme certificato fino alla ricerca e miglioramento genetico, con varietà e caratteristiche che fanno sì che la qualità della nostra erba medica sia apprezzata in zone lontanissime e diverse tra loro come Paesi Arabi e Giappone. "Più di due terzi dell’erba medica lavorata sono destinati all’estero, per cui l’alta qualità e la distintività si dimostrano concetti chiave per il successo - spiega il responsabile agroalimentare di Legacoop Romagna, Stefano Patrizi -. Si consolidano gli ettari destinati a questa coltivazione anche grazie all'opportunità offerta dalla coltivazione del seme certificato, per cui la Romagna è estremamente vocata. Il valore dato agli agricoltori e a cooperative agricole braccianti, oltre che da liquidazioni competitive col mercato e dalla capacità di temperarne le asperità, è incrementato dalla forte sinergia di questa Filiera che condivide una strategia fondata sull’alta qualità e il rispetto delle regole". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In crescita la coltura dell'erba medica di Legacoop Romagna

RavennaToday è in caricamento