rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Russi

Taglio del nastro per la caserma dei Carabinieri di Russi: le foto

Accanto ad un picchetto in grande uniforme si sono schierati i militari della stazione di Russi, una rappresentanza delle sezioni dell’associazione nazionale Carabinieri della Provincia

Taglio del nastro per la caserma dei Carabinieri di Russi. La cerimonia si è svolta sabato mattina in via Aldo Moro alla presenza del generale di divisione Adolfo Fischione, comandante della Legione Carabinieri “Emilia- Romagna”, il prefetto di Ravenna Francesco Russo, il procuratore Alessandro Mancini, il colonello Massimo Cagnazzo, comandante provinciale dell'Arma di Ravenna, nonché le altre massime autorità civile e militari della Provincia e numero cittadini.

Accanto ad un picchetto in grande uniforme si sono schierati i militari della stazione di Russi, una rappresentanza delle sezioni dell’associazione nazionale Carabinieri della Provincia, accompagnate dalle “Benemerite” e le varie associazioni combattentistiche e d’arma, con i rispettivi labari, nonché un gruppo di volontari dell’associazione nazionale Carabinieri di Ravenna che hanno collaborato alla perfetta riuscita della cerimonia.

Il sindaco di Russi, Sergio Retini, dopo aver ringraziato i rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri, tutte le autorità presenti, nonché i ragazzi delle scuole elementari e tutta la cittadinanza intervenuta, ha espresso gratitudine dell’amministrazione Comunale per la fattiva collaborazione alla realizzazione della nuova Caserma dimostrata dal prefetto di Ravenna, dal comandante Provinciale dei Carabinieri, dal comandante della stazione, ma soprattutto dalla famiglia Zannoni, proprietaria dell’immobile.

Inaugurata la stazione dei Carabinieri di Russi

Durante la cerimonia il colonnello Cagnazzo, dopo aver evidenziato la particolare caratteristica dell’Arma dei Carabinieri di essere vicina alla gente, sia nelle grandi città che nei piccoli paesi, proprio attraverso l’elemento fondamentale costituito dalle stazione carabinieri diffuse su tutto il territorio nazionale, sempre più considerate punto di riferimento per la cittadinanza, presidio della legalità e simbolo visibile dello Stato, ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione della Caserma, ma in particolar modo la famiglia Zannoni per la genuina disponibilità e vicinanza all’Arma dei Carabinieri nonché il capitano della stazione, il maresciallo Francesco Camastra.

Il colonello ha ringraziato inoltre la signora Nadia, moglie del maresciallo Camastra, madrina della cerimonia, rappresentante simbolica di tutti i familiari dei Carabinieri che quotidianamente sostengono i propri congiunti nell’adempimento del servizio, anche a costo di sacrifici e rinunce, donandole un mazzo di rose. Analoghi ringraziamenti sono stati espressi sia dal prefetto e dal generale di divisione Fischione il quale si è rivolto ai militari della stazione di Russi esortandoli a continuare ad operare con impegno, dedizione e con assoluta disponibilità ad ascoltare anche la più piccola problematica rappresentata da tutti i cittadini, che sempre più vedono nei presidi dell’Arma un vero e proprio punto di riferimento.

Prima del taglio del nastro ha avuto luogo la benedizione della nuova Caserma, da parte del Cappellano Militare della Legione Carabinieri “Emilia-Romagna” Don Giuseppe Grigolon, accompagnato da Don Claudio Bolognesi, parroco di Russi. La manifestazione è stata preceduta dal concerto della Fanfara della scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze, diretta dal maestro maresciallo aiutante Ennio Robbio, che ha avuto luogo nella serata precedente nel teatro comunale di Russi, al quale hanno partecipato le massime autorità Provinciali e numerosi cittadini che hanno enormemente apprezzato l’esibizione, riempendo il teatro. Presenti anche gli studenti del Baccarini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taglio del nastro per la caserma dei Carabinieri di Russi: le foto

RavennaToday è in caricamento