Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Dopo la protesta in Comune incendiata la sua barca: "Atto di ritorsione, ora siamo sul lastrico"

La barca apparteneva al vicepresidente della cooperativa che proprio giovedì ha tenuto una conferenza stampa in Comune per chiedere che i pescatori siano tutelati contro i bracconieri

Un atto inquietante e che puzza di ritorsione. Nella notte tra giovedì e venerdì è stata incendiata una barca ormeggiata in pialassa Baiona. La barca in questione apparteneva a Luigi Lauro, vicepresidente della cooperativa 'Baiona Viva' che proprio giovedì ha tenuto una conferenza stampa in Comune, realizzata insieme a Lista per Ravenna, per chiedere che i pescatori siano tutelati contro i bracconieri. Già il 1 febbraio scorso un incendio doloso aveva bruciato un’imbarcazione regolarmente ormeggiata nella pialassa, mentre proprio giovedì mattina era stato rubato un motore nuovo di pacca, come hanno spiegato i pescatori durante la conferenza.

"Un danno da 20mila euro - spiega Lauro - tra barca e attrezzatura che avevamo imbarcato, un generatore e un selezionatore di vongole. Io sono andato via dalla barca alle sette di sera ed era tutto a posto, è successo dopo mezzanotte. E' stato un incendio doloso, a bordo della barca non c'era benzina. Sono convinto al 100% che si sia trattato di un atto di ritorsione da parte dei pescatori abusivi, non è possibile che sia un caso un incendio così a poche ore dalla conferenza in cui proprio io ho spiegato i fatti". Il pescatore non nasconde la rabbia e la disperazione: "Siamo sul lastrico. Senza questa barca ora non possiamo più lavorare, siamo in mezzo alla strada".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo la protesta in Comune incendiata la sua barca: "Atto di ritorsione, ora siamo sul lastrico"

RavennaToday è in caricamento