rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Incidenti stradali

In un video il drammatico incidente costato la vita a padre e figlio sulla A14 Bis

L'Audi che arriva a folle velocità, la sbandata contro il new jersey e poi il violento impatto contro la Punto della famiglia modenese

L'Audi A3 che arriva a folle velocità, la sbandata contro il new jersey e poi il violento impatto contro la Punto della famiglia modenese. Il video, catturato dalle telecamere che sorvegliano la barriera di Ravenna della A14 Bis, riprendono impietosamente la drammatica scena che ha portato alla morte Andrea Giunta, 56 anni, e suo figlio Michele, 19enne, vittime del pauroso incidente nel primo pomeriggio del giorno di Ferragosto al casello autostradale di Cotignola. Si trova ricoverata ancora in prognosi riservata al Bufalini di Cesena invece la madre di Michele, Maria Carmela Di Altiero, 51 anni, che si trovava nel sedile anteriore del passeggero. Una famiglia distrutta, di ritorno a Modena dopo le vacanze al mare. 

Da primi accertamenti, intato, sembra che il 21enne di Macerata alla guida dell'Audi A3 che si è andata a schiantare contro la Punto della famiglia modenese non fosse sotto l'effetto dell'alcol ma, al momento, si attende ancore l'esito degli esami tossicologici effettuati per capire se il giovane, attualmente indagato per omicidio colposo, fosse sotto l'effetto di stupefacenti. Le indagini sono condotte dal sostituto procuratore Bartolozzi. Il 21enne, e l'amico 22enne che si trovava al suo fianco, stavano facendo rientro a Macerata dopo aver trascorso la vigilia di Ferragosto in una discoteca del riminese e, la mattinata del 15, a Mirabilandia. Entrambi, comunque, sono già stati dimessi dagli ospedali dove erano ricoverati.

Padre e figlio perdono la vita alla barriera di Ravenna (Foto Argnani)

Le indagini sono condotte al personale della Sezione Polizia Stradale della Polizia di Stato di Ravenna insieme al Distaccamento Polizia Stradale della Polizia di Stato di Faenza, intervenuti sul posto: gli inquirenti si stanno occupando della raccolta delle testimonianze, dell’esecuzione dei rilievi planimetrici e fotografici, dell’analisi delle riprese degli impianti di videocamere presenti, della valutazione dei danni riportati dai mezzi e dalle infrastrutture stradali. Sostanzialmente si analizzano dettagliatamente i tre fattori  principali del sinistro stradale: il comportamento umano, la infrastruttura stradale e il veicolo. La PolStrada ricorda "l’importanza dello stato psico-fisico del conducente", insistendo sul fatto "che non solo l’alcool e le sostanze stupefacenti sono deleterie, ma che anche la “normale” stanchezza (e la distrazione), incidono profondamente sui comportamenti di guida, con conseguenze che possono essere fatali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In un video il drammatico incidente costato la vita a padre e figlio sulla A14 Bis

RavennaToday è in caricamento