Il furgone esce di strada e si cappotta contro un cartellone pubblicitario: paura per due persone

I due, rimasti coscienti, sono usciti dall'auto e sono stati subito soccorsi dal personale del 118, giunto sul posto con due ambulanze e auto medica

Foto Massimo Argnani

Brutto incidente stradale martedì sera, poco dopo le 20. Un furgone Opel Vivaro, condotto da un 30enne marocchino e con a bordo anche un 38enne italiano, stava procedendo sulla statale Adriatica quando, all'altezza di via Sant'Egidio a Camerlona, improvvisamente è uscito di strada finendo prima contro un palo dell'illuminazione pubblica, per poi cappottarsi sul lato destro della careggiata contro un cartellone pubblicitario.

I due, rimasti coscienti, sono usciti dal furgone e sono stati subito soccorsi dal personale del 118, giunto sul posto con due ambulanze e auto medica. Il 30enne è stato trasportato all'ospedale di Ravenna con codice di media gravità; stesso codice per il passeggero, trasportato però all'ospedale Bufalini di Cesena. Sul posto anche i Vigili del fuoco di Ravenna, che hanno aiutato nella messa in sicurezza del messo e nelle operazioni di soccorso, una pattuglia della Guardia di finanza in prima battuta per aiutare nella viabilità e la Polizia locale di Ravenna, che ha poi gestito il traffico sulla statale a senso unico alternato invitando gli automobilisti a prestare massima attenzione. Sul conducente verranno effettuati, come da prassi, i test alcolimetrici e tossicologici.

Foto Massimo Argnani

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

  • Precipita in un canalone con la mountan bike: attimi di terrore per un ravennate

Torna su
RavennaToday è in caricamento