Il dramma di Lorenzo, eseguita l'ispezione cadaverica. Perizia fotografica sulla minicar

La minicar è sotto sequestro. Sono state effettuate delle perizie fotografiche. La documentazione è stata trasmessa al magistrato

Si è svolta nella tarda mattinata di mercoledì l'ispezione cadaverica sul corpo di Lorenzo Forte, lo studente 17enne di Savio morto martedì pomeriggio in un tragico incidente tra Savio e Milano Marittima in via Nullo Baldini, dove ha perso il controllo della minicar sulla quale viaggiava precipitando nel canale-scolo Cupa e rovesciandosi. L'accertamento, concluso nel primo pomeriggio, ha confermato la morte per annegamento, escludendo altre cause. Gli atti sono stati trasmessi al magistrato di turno. E' probabile quindi che giovedì sarà concesso il nullaosta per i funerali.

La minicar è sotto sequestro. Sono state effettuate delle perizie fotografiche. La documentazione è stata trasmessa al magistrato, il quale, sulla base degli elementi a disposizione, deciderà eventualmente di avvalersi di periti per ulteriori indagini. Dai primi accertamenti l'incidente non sarebbe riconducibile a problemi tecnici al mezzo. Il dramma si sarebbe consumato intorno alle 16. Il 17enne stava guidando la sua minicar (auto che possono essere condotte anche da chi non ha ancora compiuto la maggiore età), quando, nell'imboccare via Nullo Baldini, ha perso il controllo del veicolo sbandando prima a sinistra, poi a destra precipitando nel canale-scolo Cupa e rovesciandosi. Un automobilista di passaggio, accortasi di quanto successo, ha subito lanciato l'allarme. Sul posto si sono precipitati i Vigili del fuoco, la Polizia locale di Cervia e i mezzi di soccorso del 118, ma purtroppo non si è potuto fare altro che constatare il decesso del giovane. Sono intervenuti anche i sommozzatori da Bologna, che hanno ispezionato la zona per accertarsi che non ci fossero altri corpi in acqua. Eventualità scongiurata.

Lorenzo avrebbe compiuto 18 anni il prossimo 19 agosto e frequentava la Scuola alberghiera e di ristorazione di Cesenatico. Al termine dell'anno scolastico avrebbe dovuto sostenere l'esame di qualifica. Lorenzo aveva nel dna la passione per la cucina, forse maturata nel tempo avendo il padre gestore dell’hotel Astor di Cesenatico e la madre titolare del camping Romagna a Milano Marittima. "Sono e siamo tutti profondamente colpiti e addolorati per la perdita di Lorenzo avvenuta in un drammatico incidente stradale - afferma il sindaco Massimo Medri -.  Un bravo ragazzo di diciassette anni, dedito alla scuola e al lavoro che lascia un grande vuoto e la cui prematura scomparsa ci angoscia e ci costerna. Mi unisco al dolore dei familiari, portando a loro tutta la nostra e la mia personale vicinanza in questo tragico momento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di coronavirus nella provincia di Ravenna: positivo un ragazzo di 21 anni

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nel riminese il primo caso in Romagna

  • Proroga della chiusura delle scuole? In Regione ci stanno pensando. L'assessore alla Sanità: "E' probabile"

Torna su
RavennaToday è in caricamento