menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Argnani

Foto Argnani

Tremendo schianto a Solarolo, automobilista perde la vita nel frontale

Rimasto incastrato tra le lamiere, a nulla sono valsi i disperati tentativi dei sanitari per rianimarlo. Ferito gravemente un secondo guidatore

Drammatico incidente, nel pomeriggio di sabato, sulle strade di Solarolo dove ha perso la vita un automobilista ed è rimasto gravemente ferito il secondo guidatore coinvolto. La vittima è Christian Senzani, 48enne di Castel Bolognese. Lo schianto è avvenuto intorno alle 15 in via Madonna della salute quando, per cause ancora in corso di accertamento, si sono scontrate frontalmente una Ford Fiesta e una Fiat Panda. Dai primi accertamenti della polizia Municipale, intervenuta sul posto per i rilievi di rito, pare che la Ford guidata da un 70enne procedesse in direzione di Solarolo quando si è trovata all'improvviso davanti al muso la Panda guidata da Senzani che procedeva in direzione opposta e che ha invaso la corsia. L'impatto frontale è stato tremendo ed entrambi i veicoli hanno avuto il muso completamente distrutto, tanto che i rispettivi automobilisti sono rimasti incastrati tra le lamiere.

E' stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco per liberare i guidatori e affidarli alle cure dei sanitari del 118 accorsi sul posto con ambulanza, auto medicalizzata ed eliambulaza. Il personale di Romagna soccorso si è reso immediatamente conto che il più grave era il 48enne ma, nonostante tutti i disperati tentativi, il cuore dell'uomo ha smesso di battere e il medico non ha potuto far altro che dichiararne il decesso. Molto critiche anche le condizioni del 70enne che, dopo essere stato stabilizzato, è stato trasferito in elicottero al "Bufalini" di Cesena con il codice di massima gravità. Per permettere i soccorsi e i rilievi di rito, la strada è stata chiusa in entrambi i sensi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento