Cronaca

Influenza aviaria, terzo caso di contagio umano in Emilia Romagna

Fino ad ora sono tre i casi verificati e riguardano lavoratori. Per i 59 lavoratori esposti nei primi 4 allevamenti, anteriormente alla individuazione dei focolai si è conclusa la sorveglianza sanitaria

Terzo caso di contagio umano di aviaria in Emilia-Romagna. La conferma è arrivata martedì pomeriggio dall’Istituto superiore di sanità. Si tratta di un operatore – dipendente della cooperativa impegnata nelle operazioni di abbattimento - che era risultato positivo ai test eseguiti al Sant'Orsola di Bologna. Anche in questo caso, come i due precedenti, il lavoratore è stato sottoposto ad isolamento domiciliare e gli sono state fornite indicazioni igieniche da seguire ed è in sorveglianza attiva fino a guarigione clinica.

Fino ad ora sono tre i casi verificati e riguardano lavoratori. Per i 59 lavoratori esposti nei primi 4 allevamenti, anteriormente alla individuazione dei focolai si è conclusa la sorveglianza sanitaria. Un lavoratore del quinto focolaio (la pulcinaia di Mordano) è in sorveglianza attiva da parte degli operatori della sanità pubblica, così come 6 familiari dei casi accertati o sospetti. Sono, inoltre, in sorveglianza attiva 10 persone per il focolaio rurale di Bondeno.

Per tutti gli altri lavoratori coinvolti (circa 300) - impegnati comunque con diverse mansioni e durata nelle operazioni di controllo dei focolai - è prevista una specifica sorveglianza sanitaria. Al momento, in ogni azienda in Emilia-Romagna dove sono stati segnalati focolai di influenza aviaria H7N7, “sono stati compiuti tutti gli abbattimenti necessari, nonché le attività di sanificazione e sterilizzazione”; e “dal 7 settembre sono quindi iniziati i 21 giorni di sorveglianza, dopo i quali, se non saranno registrati nuovi casi, si potrà definire conclusa l’emergenza epidemia”.

Lo rende noto l’assessore regionale alla Sanità, Carlo Lusenti, intervenendo in Aula per una relazione sugli ultimi aggiornamenti relativi alla diffusione dell'aviaria. Rispetto alla precedente informativa, svolta il 3 settembre davanti alle commissioni Politiche per la salute e Politiche economiche dell’Assemblea legislativa, “il 4 settembre è stata confermata una nuova positività che riguarda 98mila pollastre a Mordano, in un allevamento che aveva già ottenuto l’autorizzazione ministeriale all’abbattimento preventivo, iniziato il 5 settembre e concluso il 7 settembre- spiega Lusenti-, mentre il 5 settembre si registrava una nuova positività a Bondeno, in provincia di Ferrara, in un privato proprietario di 6 galline, per cui l’abbattimento si è concluso nella stessa giornata”. Nell’ultima settimana, prosegue l'assessore, sono stati inoltre abbattuti preventivamente, dopo l’autorizzazione ministeriale, più di 85.000 animali, e entro il 13 settembre sarà concluso un nuovo piano di abbattimenti preventivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Influenza aviaria, terzo caso di contagio umano in Emilia Romagna

RavennaToday è in caricamento