Internet veloce nella zona artigianale: inaugurata a Sant’Alberto la nuova rete in fibra ottica

Il 13 gennaio Lepida spa ha pubblicato una manifestazione di interesse a cui hanno risposto sei operatori di telecomunicazioni. In febbraio tutte le aziende sono state attivate ed è in corso la contrattualizzazione con uno degli operatori

Foto di Massimo Argnani

Cinque aziende della zona artigianale di Sant’Alberto sono state recentemente raggiunte dalla banda ultralarga, grazie a un intervento di infrastrutturazione con rete in fibra ottica realizzato secondo un modello di finanziamento pubblico – privato che ha visto coinvolti il Comune, la Regione tramite Lepida spa e le aziende stesse (Se.Fa srl, Hera spa – stazione ecologica di Sant’Alberto, Gardelli srl, Le Romagnole società cooperativa agricola e Granfrutta Zani società cooperativa agricola). Giovedì in via del Lavoro 9, davanti alla Se.Fa, si è svolta una breve cerimonia di simbolica inaugurazione: hanno partecipato rappresentanti delle aziende, l’assessore regionale alle Infrastrutture materiali e immateriali Raffaele Donini; il direttore generale di Lepida Gianluca Mazzini; il sindaco Michele de Pascale; gli assessori allo Sviluppo economico e Ravenna digitale Massimo Cameliani e al Decentramento Gianandrea Baroncini; il presidente del consiglio territoriale di Sant’Alberto Massimiliano Venturi.

Il modello di finanziamento pubblico privato che ha reso possibile la realizzazione dell’intervento è definito dalla legge regionale 14 del 2014 ed è stato attuato attraverso una convenzione tra i soggetti coinvolti. Il Comune, una volta verificata l’assenza di offerte da parte del mercato di servizi in banda ultra larga, si è fatto carico di realizzare una dorsale dal punto più vicino della rete Lepida all’area produttiva con risorse proprie, sostenendo spese per 43.779 euro; le cinque aziende hanno finanziato i costi di fornitura e posa del cavo in fibra ottica, fornendo un contributo una tantum di complessivi 12.000 euro più Iva; la Regione, tramite Lepida spa, ha provveduto alla progettazione e alla direzione lavori e si farà carico della manutenzione. La rete è di proprietà del Comune, ma a tutti i soggetti contribuenti è stato dato un diritto di uso quindicennale, rinnovabile.

continua nella pagina successiva ====> COMPETITIVITA'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Critiche sui social all'attrice lughese scelta da Gucci

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Ci mette 'Anema e core' e apre una pizzeria napoletana: "E' la mia passione da sempre"

Torna su
RavennaToday è in caricamento