menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Invalida dopo il parto, maxi pignoramento all'Ausl: "Avevamo intimato all'assicurazione di pagare"

"L'Ausl aveva intimato, già dallo scorso luglio, alla propria compagnia assicurativa di procedere al pagamento della somma a garanzia dell'ente e, contestualmente, ha conferito mandato a un legale per l'appello della condanna"

Il risarcimento mancato da parte dell'Ausl Romagna finisce nel mirino dei consiglieri regionali della Lega nord Massimiliano Pompignoli e Andrea Liverani. La vicenda vede coinvolta l'Azienda sanitaria romagnola, condannata dal Tribunale civile di Ravenna a risarcire con 1,7 milioni di euro la famiglia di una bambina, oggi 14enne, rimasta gravemente invalida dopo il parto. "La vicenda - spiegano i consiglieri - risale al marzo 2004. La madre si presentò all'ospedale di Lugo per un controllo della gravidanza gemellare alla 38 esima settimana. I medici rilevarono una sofferenza fetale, ma non la ricoverarono perché non erano disponibili culle termiche, né un'ambulanza. La donna fu poi inviata con mezzi propri all'ospedale di Ferrara, dove nacquero le bambine. Una delle due, ormai asfittica, riportò una gravissima paralisi cerebrale".

I consiglieri sottolineano come "l'Ausl di Romagna non abbia risarcito la famiglia della quattordicenne della somma dovuta e sancita in sentenza" tanto che i familiari della ragazzina "hanno proceduto al pignoramento sui conti dell'azienda sanitaria, per 2,5 milioni di euro", cioè la somma dovuta aumentata di un terzo, come per legge. Dunque Pompignoli e Liverani interrogano la giunta per sapere "per quale motivo, vista la natura immediatamente esecutiva della sentenza, l'Ausl della Romagna non abbia proceduto al pagamento della somma quantificata dal Tribunale di Ravenna e se non ritenga che l'eventuale differimento del pagamento o il tentativo di riduzione della somma quantificata dal giudice rappresenti un'indebita inottemperanza alla sentenza, e un'ingiustizia nei confronti della famiglia della giovane".

Nel frattempo Ausl Romagna ha diffuso una nota rispondendo in maniera indiretta anche all'interrogazione dei consiglieri leghisti: "Il legale della famiglia ha attivato la procedura di pignoramento a seguito di sentenza, del luglio scorso, direttamente presso la tesoreria dell'Ausl. L'Ausl aveva intimato, già dallo scorso luglio, alla propria compagnia assicurativa di procedere al pagamento della somma a garanzia dell'ente e, contestualmente, ha conferito mandato a un legale per l'appello della condanna. Qualora all’udienza di appello (fissata l’8 gennaio prossimo) fosse confermato l’obbligo di pagamento e nel frattempo la compagnia non avesse ancora pagato, l’Azienda vi provvederà salvo poi mettere in atto ogni azione giudiziaria a tutela della Pubblica amministrazione stessa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento