menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inveisce contro capotreno e Polizia per la multa: denunciato

Nella sola provincia di Ravenna, con l’impiego di 15 operatori, una persona è stata denunciata e due sono state sanzionate per violazione al Regolamento di Polizia Ferroviaria

Prosegue l’attività di prevenzione della Polizia Ferroviaria con l’operazione straordinaria di controllo a viaggiatori e bagagli denominata "Stazioni Sicure", coordinata su tutto il territorio nazionale dal Servizio Polizia Ferroviaria del Ministero dell’Interno che, nella giornata di martedì, ha visto impegnati, per quanto riguarda la regione Emilia Romagna, 165 operatori della Specialità della Polizia Ferroviaria.

1.222 le persone identificate, 42 le stazioni ferroviarie controllate, 415 i bagagli ispezionati, 2 le persone denunciate in stato di libertà, (una per ubriachezza e molestie ai viaggiatori e l’altra per oltraggio a Pubblico Ufficiale) e 11 sanzioni contestate a viaggiatori per violazioni al Regolamento di Polizia Ferroviaria. Nella sola provincia di Ravenna, con l’impiego di 15 operatori, una persona è stata denunciata e due sono state sanzionate per violazione al Regolamento di Polizia Ferroviaria; sono state identificate 66 persone, controllate 4 stazioni ferroviarie e ispezionati 12 bagagli.

In particolare personale della Polizia Ferroviaria di Faenza, nel corso di un servizio di scorta su un treno regionale nella tratta Faenza-Rimini, è intervenuto in aiuto al capotreno che aveva sorpreso un viaggiatore privo di titolo di viaggio, alterato per la prevista sanzione amministrativa. L'uomo aveva iniziato così a inveire contro gli agenti di Polizia e lo stesso capotreno con frasi oltraggiose, sia sul treno che sul marciapiede della stazione ferroviaria di Cesena dove l’uomo, dopo essere sceso dal convoglio, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Le attività di prevenzione, coordinate dal Centro Operativo Compartimentale che si avvale dei moderni sistemi di geolocalizzazione delle pattuglie e la remotizzazione delle immagini degli scali ferroviari, sono state ottimizzate grazie all’utilizzo degli smartphone in dotazione al personale della Polizia Ferroviaria per il controllo in tempo reale dei documenti elettronici e sono state estese anche ai depositi bagagli, con il ricorso ad unità cinofile della Polizia di Stato e di metal detector.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento