menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Invito a Palazzo", pieno di turisti e giovani alla scoperta degli scrigni culturali

La manifestazione si è caratterizzata per l’alta affluenza di studenti, sia delle scuole primarie sia, assai numerosi, delle scuole superiori

Successo della 18esima Edizione della Giornata nazionale di apertura al pubblico dei palazzi storici e monumentali delle Banche: “Invito a Palazzo; Arte e Storia nelle Banche e nelle Fondazioni di origine bancaria”, il Gruppo Bancario privato ed indipendente Cassa di Ravenna Spa e la Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna hanno partecipato alla giornata promossa da Abi e Acri, sotto l’Alto Patronato del presidente della Repubblica, della Commissione Nazionale Italia per l’Unesco e del Ministero per i beni e le attività culturali, con Rai e Tgr Media Partner.

La manifestazione si è caratterizzata per l’alta affluenza di studenti, sia delle scuole primarie sia, assai numerosi, delle scuole superiori (alle quali è stata donata la Costituzione della Repubblica Italiana), di cittadini e di turisti che hanno affollato le sale della Sede storica della Cassa e la quadreria al suo interno con tele, tra le altre, del Longhi e del Barbiani. Ha suscitato interesse anche lo studioso Franco Franchini che ha illustrato alcune nuove piante topografiche acquisite dalla Cassa e riguardanti la riproduzione Civitas Ravenna nel VII secolo. D.C., con 96 punti di osservazione, e quella prospettica di Ravenna, illustrata con i suoi monumenti risalenti al 1897.

E’ stato possibile visitare lo storico negozio finanziario “Ex-Bubani” in Piazza del Popolo, ora sede del Private Banking de “La Cassa”, antico locale restaurato e conservato nelle sue armonie lignee e arricchito dalle vetrate in stile liberty. Grande attenzione e partecipazione, in particolare di insegnanti e studenti delle scuole superiori, è stata riservata alla visita del Complesso degli Antichi Chiostri Francescani della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna (che nell’occasione ha celebrato anche la Giornata Europea delle Fondazioni), dove è stato possibile, tra l’altro, visitare l’Archivio Storico Multimediale Documentale della Cassa di Ravenna che ripercorre la storia civile e sociale dell’Italia, di Ravenna e della Romagna e il Museo Dantesco che comprende sia la Sala Multimediale al piano terra, sia il Museo propriamente detto, ospitato al primo piano dei Chiostri e in gestione condivisa tra l’Opera di Dante e il Centro Dantesco dei Frati Minori Conventuali.

Particolare apprezzamento ha destato l’esibizione musicale degli EST, de l’Orchestra “La Corelli”, diretta da Jacopo Rivani, con Nicola Nieddu, violino, Antonio Cortesi, violoncello e Luca di Chiara, al contrabbasso. I visitatori sono stati accolti dal presidente Antonio Patuelli, dal vicepresidente Vicario della Cassa, Giorgio Sarti, dal ddirettore generale, Nicola Sbrizzi e dal condirettore generale, Giuseppe De Filippi, dal presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, Ernesto Giuseppe Alfieri, dal segretario generale della Fondazione Cassa, Giancarlo Bagnariol e da diversi altri esponenti della Cassa di Ravenna e della Fondazione Cassa.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento