menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'L'anno che verrà' di Dalla vince il contest natalizio musicale del Pavaglione

Nei prossimi giorni le canzoni che si sono classificate nei primi 30 posti delle due classifiche saranno trasmesse attraverso il sistema di filodiffusione nel Pavaglione

Dopo venti giorni e oltre 1.500 voti espressi, il concorso “La Canzone di Natale”, partito il 4 dicembre sul sito del Comune di Lugo, ha visto la netta vittoria de 'L’anno che verrà', storica canzone di Lucio Dalla che ha prevalso sia nella classifica delle canzoni italiane che in quella generale, superando la prima delle straniere, 'Last Christmas' degli Wham!. La canzone scritta dal cantautore bolognese nel 1978, periodo molto difficile per l’Italia degli anni di piombo, ha una forte attinenza con l’attuale desiderio di immaginare un futuro migliore, l’anno che verrà, appunto, al quale “mi sto preparando”.

Seconda canzone italiana 'Bianco Natale/White Christmas' di Zucchero e al terzo posto c'è 'Quelli che verranno' di Brunori Sas, cantautore calabrese ospite della puntata lughese del Ravenna Festival 2020. Tra le canzoni straniere, dopo quella degli Wham!, un altro classico natalizio, 'All I want for Christmas is you' di Mariah Carey, terza 'What a wonderful world' di Louis Armstrong del 1967. Nella classifica finale prevalgono quindi i grandi classici, che sono i più votati prevalendo sulle canzoni più attuali Queste ultime però non mancano ed entrano in classifica in buona posizione con titoli come 'Bam bam twist' di Achille Lauro, 'Fai rumore' di Diodato e 'Perfect' di Ed Sheeran.

L’amministrazione comunale ringrazia Flexi Dischi per la collaborazione e tutti coloro che hanno espresso il loro voto. Nei prossimi giorni le canzoni che si sono classificate nei primi 30 posti delle due classifiche saranno trasmesse attraverso il sistema di filodiffusione nel Pavaglione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento