L'arte dei bambini racconta il tempo della pandemia

Un grande progetto che coinvolge le scuole elementari e medie della provincia. L'obiettivo è ricordare il tempo "sospeso" del lockdown fra domande, paure e sogni

E' stata inviata a fine ottobre a tutti i Dirigenti Scolastici delle scuole elementari e medie di Ravenna e Provincia una lettera che invitava a diffondere nelle scuole l’iniziativa dell’Associazione Dis-Ordine in collaborazione con Unicef Ravenna: una raccolta di tutte le opere grafiche, costituite da disegni, foto, video, realizzati dai bambini e adolescenti durante la permanenza forzata in casa per emergenza sanitaria. Il progetto nasce per avvicinare gli adulti al mondo dei bambini e degli adolescenti e per scoprire il loro linguaggio, fatto di simboli, immagini e colori e anche, soprattutto per ascoltare e osservare cosa vogliono raccontarci oltre che per documentare il periodo dell’emergenza Covid-19, conservare, analizzare, costruire una mostra virtuale o reale e condividerla, prevedibilmente a partire dal 20 novembre 2020 Giornata Mondiale per i Diritti dell’Infanzia.

Nel periodo di chiusura delle scuole per emergenza sanitaria, i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze hanno avuto le parole per raccontare ma anche scelto, come mezzo di comunicazione, altro dalle parole e dalla scrittura. Quel tempo “sospeso” è stato un tempo fertile di storie, che nascevano da dentro: dalle paure, dalle domande, dai sogni; ma anche dai sensi, da ciò che sembrava vedersi per la prima volta dentro la casa e stando alle finestre. Storie raccontate con segni, disegni, foto video. 

"Riteniamo molto importante la raccolta di questi materiali sia per lasciare una traccia del vissuto infantile in  questo complesso periodo, sia perché pensiamo che l'espressività infantile nella sua forza ed immediatezza rappresenti una modalità significativa per  affrontare le difficoltà emotive di questa fase che purtroppo si sta prolungando oltre il lockdown dei mesi passati e che ancora coinvolge bambine/e, famiglie, insegnanti e scuole - afferma l’Associazione Dis-Ordine -. Il progetto ha anche  raccolto la condivisione della Garante regionale per i diritti dell' Infanzia ed adolescenza che si è impegnata a mettere sul sito del suo Istituto regionale i materiali che scuole o singoli allievi/e realizzeranno sul tema del vissuto e delle problematiche infantili ed adolescenziali ai tempi del coronavirus".

Contemporaneamente, a Ravenna, da un’idea dello scomparso Nino Carnoli, con il sostegno di Lions Club Ravenna Host, si concretizza l’intento di ristampare il libro L’Arte dei bambini, scritto da Corrado Ricci nel 1887, uno studio sul “bambino artista” che anticipa le intuizioni delle avanguardie storiche sull’arte infantile che presto potrà essere utilizzato come materiale didattico da maestri e maestre della scuole primarie.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento