Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

L'assessore all'urbanistica: "Chiederemo una proroga per l'accatastamento dei capanni"

Sono stati circa centocinquanta i partecipanti all'incontro di giovedì sera dedicato alla valorizzazione delle valli e alla riqualificazione dei capanni da pesca, organizzato dall'associazione "Assoraro"

Sono stati circa centocinquanta i partecipanti all'incontro di giovedì sera dedicato alla valorizzazione delle valli e alla riqualificazione dei capanni da pesca, organizzato dall'associazione di idee per Ravenna e la Romagna "Assoraro". Il dibattito ha visto fra gli ospiti l’assessore del comune di Ravenna Federica Del Conte, Claudio Miccoli dell’Agenzia Regionale per la Sicurezza del Territorio e la Protezione Civile, Giuseppe Benini in qualità di vicepresidente della cooperativa Fruitori degli Ambienti Ravennati (tra i fondatori di Assoraro) e Maurizio Braghittoni, presidente dell’associazione Pesca Sportiva e Ricreativa. L'assessore ha fornito i dettagli su come stanno procedendo le domande di riqualificazione dei capanni e su alcune interpretazioni tecniche che stanno invece rallentando il percorso di adeguamento tanto sospirato dai capannisti. Miccoli ha spiegato come si stanno svolgendo i lavori di valorizzazione della piallassa Piomboni, che finalmente sono ripresi e che rappresentano l’unica possibilità per separare e proteggere un angolo di valle dallo sviluppo delle aree portuali adiacenti

Sul tema del rischio idrogeologico l’assessore ha ricordato che si tratta dell’ennesimo adempimento dovuto a norme sovraordinate, richieste dalla Regione Emilia Romagna, ma ha anche dichiarato che, condotta l’analisi iniziale, sarà possibile metterla a disposizione di tutti gli insediamenti presenti sui fiumi. Benini ha toccato un passaggio interessante nel quale, evidenziando i risvolti economici che deriverebbero dalla regolarizzazione dei capanni, il Comune avrebbe l’opportunità di introitare risorse utili per effettuare interventi di valorizzazione e di mantenimento delle valli ravennati con possibili sviluppi anche sul versante turistico ed ambientale. "L’accatastamento dei capanni richiesto nelle ultime settimane - commenta l’assessore - è d’obbligo, ma è emerso chiaramente che i proprietari dei capanni sono consapevoli di questo e stanno già da tempo pagando i tributi e le imposte previste. Ciò che ci si aspettava era di presentare il progetto di riqualificazione, legittimare gli insediamenti e, solo al termine di questa fase, procedere ad un accatastamento definitivo". L'assessore ha poi anticipato alla platea che gli uffici comunali stanno cercando di avallare la richiesta di una proroga.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assessore all'urbanistica: "Chiederemo una proroga per l'accatastamento dei capanni"

RavennaToday è in caricamento