menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'associazione malati reumatici dona apparecchiature innovative all'ospedale

La donazione, del valore di 20mila euro, è frutto di una serie di iniziative di raccolta fondi messe in campo dal gruppo volontari

Grazie all’Associazione Malati Reumatici Emilia Romagna Amrer sono già in funzione nei Servizi di Reumatologia delle Unità Operative di Medicina Interna degli ospedali Bufalini di Cesena e Santa Maria delle Croci di Ravenna due nuove capillaroscopi di ultima generazione per la diagnosi precoce e il monitoraggio di alcune patologie reumatiche autoimmuni che interessano il tessuto connettivo, tra cui la sclerosi sistemica, malattia cronica particolarmente severa e complessa.

La donazione, del valore di 20mila euro, è frutto di una serie di iniziative di raccolta fondi (concerti, cene sociali, campagne in occasione del natale e della pasqua) messe in campo dal gruppo volontari Amrer con l’obiettivo di acquistare queste due nuove apparecchiature da destinare all’ospedale cesenate e a quello ravennate. Iniziative alle quali hanno aderito con grande generosità numerose aziende, associazioni del territorio e tanti cittadini. In particolare, prezioso è stato il contributo fornito dall’Usd San Marco di Cesena e dal suo presidente Fabrizio Merli attraverso l’organizzazione di due eventi sportivi benefici, a sostegno del progetto di Amrer.

"Siamo molto orgogliosi di poter contribuire ancora una volta all’innovazione tecnologica delle reumatologie degli ospedali romagnoli - sottolinea Daniele Conti di Amrer - La capillaroscopia è un esame diagnostico molto utile che viene effettuato su indicazione del reumatologo. Grazie a un piccola telecamera adagiata sull’unghia del dito gli specialisti possono studiare la struttura dei capillari per individuare precocemente alcune eventuali alterazioni micro vascolari che possono essere correlate a diverse malattie reumatiche autoimmunitarie del tessuto connettivo. Gli strumenti donati consentono agli specialisti di avere a disposizione questa tecnica diagnostica direttamente in fase di visita, riducendo i tempi di attesa dell’esame stesso e permettendo una valutazione più tempestiva. Tengo a sottolineare che la donazione è stata possibile grazie all’impegno dei nostri volontari e alla collaborazione dell’Usd San Marco”.

Da parte dell’’Azienda Usl della Romagna, del direttore della Medicina Interna di Ravenna dottor Marco Domenicali, del direttore della Medicina Interna di Cesena dottor Beniamino Praticò e dei responsabili dei servizi di Reumatologia degli ospedali di Ravenna e Cesena, rispettivamente dottor Pierluigi Cataleta e dottor Luca Montaguti, un sentito ringraziamento ad Amrer, che da anni è impegnata per il miglioramento della qualità delle cure e dell’assistenza dei pazienti affetti da malattie reumatiche, alla polisportiva Usd San Marco di Cesena e a tutti coloro che hanno contributo a questa nuova preziosa donazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento