rotate-mobile
Cronaca

L'ex marito che non paga gli alimenti: la Polizia gli ritira il passaporto

L’uomo, con precedenti per furti, truffa e inottemperanza agli obblighi famigliari, non ha mai corrisposto alla ex moglie la somma mensile fissata per il mantenimento del figlio minore

Gli agenti del Commissariato di Polizia di Faenza hanno ritirato ad un faentino di 40 anni il passaporto e la carta d’Identità che è stata trasmessa all’Ufficio Anagrafe del Comune di Faenza per apporvi la dicitura “non valida per l’espatrio”. L’uomo, con precedenti per furti, truffa e inottemperanza agli obblighi famigliari, non ha mai corrisposto alla ex moglie la somma mensile fissata per il mantenimento del figlio minore, affidato congiuntamente ad entrambi i genitori, violando le disposizioni emesse dal Tribunale per i Minorenni di Bologna sin dal 2013. A seguito del comportamento dell’ex marito, la donna ha presentato anche denuncia al Commissariato di Faenza per inottemperanza agli obblighi di assistenza famigliare e, contestualmente, ha consegnato anche una richiesta alla Polizia affinchè ritirasse il passaporto all’ex marito, che nel frattempo si è risposato e ha avuto un altro figlio.

La legge del 1967 che regola la normativa sui passaporti prevede infatti che, in caso di inottemperanza degli obblighi famigliari, che non siano “motivati” da particolari condizioni di comprovata e temporanea difficolta’ personale, si possa chiedere il ritiro del passaporto del coniuge - nonché della carta d’Identità con dicitura “valida per l’espatrio”- in modo da non consentirgli di recarsi all’estero per sottrarsi definitivamente a quanto disposto dal Tribunale in relazione alla sentenza di affidamento dei figli minori. L’uomo così ha consegnato il proprio passaporto e la carta d’identità ai poliziotti del Commissariato manfredo che hanno suonato alla sua porta venerdì pomeriggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex marito che non paga gli alimenti: la Polizia gli ritira il passaporto

RavennaToday è in caricamento