Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

L'ultimo saluto di Ravenna a Romano Brandolini: "Un punto di riferimento per teatro e volontariato"

Si sono tenuti lunedì i funerali di Brandolini. Per oltre 30 anni è stato responsabile degli spazi teatrali presso il Teatro Alighieri di Ravenna

E' stato celebrato lunedì pomeriggio nella Chiesa di S. Maria del Torrione, in via Majoli a Ravenna, il funerale di Romano Brandolini, volto noto del teatro Alighieri, deceduto all'età di 86 anni venerdì scorso. 

Commendatore e personalità molto conosciuta a Ravenna, Brandolini ricopriva la carica di Presidente dell’Aias (Associazione Italiana Assistenza Spastici). Tale associazione fornisce tuttora supporto ai diversamente abili ed ai relativi genitori. Brandolini ricopriva altresì la carica di Presidente della Fondazione Flaminia Agopuntura per la quale portò l’agopuntura a Ravenna nel 1971. Per oltre 30 anni è stato responsabile degli spazi teatrali presso il Teatro Alighieri di Ravenna collaborando anche con il Maestro Riccardo Muti nelle manifestazioni del Ravenna Festival. Brandolini era un punto di riferimento per l’accoglienza presso gli spazi teatrali di artisti e personalità a livello mondiale. Romano Brandolini era stato insignito della carica di Commendatore al merito della Repubblica Italiana nel 2013. 

Un messaggio di cordoglio era giunto nei giorni scorsi anche dal sindaco di Ravenna Michele De Pascale: "Responsabile di sala per oltre trent’anni era per tutti e tutte un punto di riferimento in termini di disponibilità e ospitalità, ci accoglieva negli spazi del teatro con calore e amicizia facendoci sentire “a casa”. Ma oggi ci lascia anche un esponente importante del mondo del volontariato ravennate, di cui faceva parte ricoprendo l’incarico di presidente dell’Aias (Associazione italiana Assistenza Spastici), ruolo che ha onorato per molti anni con impegno e devozione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ultimo saluto di Ravenna a Romano Brandolini: "Un punto di riferimento per teatro e volontariato"

RavennaToday è in caricamento