Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

La Bassa Romagna riorganizza la raccolta dei rifiuti: in arrivo le "isole ecologiche di base"

Per informare i cittadini e le attività del cambiamento, è stata inviata recentemente a tutte le utenze delle zone interessate una lettera a doppia firma (Hera e Comune) con gli obiettivi del nuovo sistema

Nei prossimi mesi nel territorio della Bassa Romagna e di tutta la Provincia si assisterà ad una progressiva riorganizzazione del sistema di raccolta dei rifiuti.  L’obiettivo primario è quello di raggiungere il 79% di raccolta differenziata entro il 2020, come previsto dal Piano Regionale di Gestione Rifiuti approvato dalla Regione Emilia Romagna ai quali si sommano la riduzione del 20% della produzione di rifiuti, fissando a 150 kg/anno la quantità massima di rifiuti indifferenziabili pro capite.

Ridurre i rifiuti e migliorare la raccolta differenziata rappresentano una sfida necessaria che va oltre gli aspetti normativi perché contribuisce a limitare il consumo di risorse naturali, realizzando importanti benefici per l’ambiente e per le generazioni future. La raccolta stradale dei rifiuti urbani sarà gradualmente organizzata in "isole ecologiche di base", cioè raggruppamenti di contenitori stradali, che consentiranno di effettuare in un unico luogo la raccolta separata dei rifiuti. Nelle isole sarà infatti possibile conferire carta/cartone, plastica, vetro/lattine, organico, rifiuti vegetali e indifferenziato (parte che rimane da una completa raccolta differenziata), che dovrà essere ridotto in modo significativo: per questo in futuro verranno adottate negli step successivi, precise modalità per misurare la quantità di indifferenziato prodotto da ogni singola utenza.

Per ridurre i rifiuti prodotti e aumentare il recupero del rifiuto organico, per chi dispone di un orto o giardino (di almeno 40 metri quadrati) è a disposizione la compostiera, ritirabile gratuitamente assieme ad un utile vademecum in tutte le stazioni ecologiche (centri di raccolta), che consente di trasformare il rifiuto organico in terriccio per migliorare la fertilità del terreno e riutilizzarlo a Km0. L’utilizzo della compostiera o di una concimaia dà diritto a sconti significativi sulla bolletta Tari: nel 2019 pari rispettivamente a 5 euro o 10 euro per abitante/anno). Per informare i cittadini e le attività del cambiamento, è stata inviata recentemente a tutte le utenze delle zone interessate una lettera a doppia firma (Hera e Comune) con gli obiettivi del nuovo sistema, il calendario di raccolta e le date dei 21 incontri serali che si sono svolti  dal 25 febbraio al 3 aprile, durante i quali rappresentanti del Comune e di Hera hanno illustrato il nuovo servizio di raccolta rifiuti, approfondito come si differenziano correttamente i rifiuti e ricordato i servizi ambientali a disposizione dei cittadini.


Per le informazioni relative al nuovo progetto di raccolta sono a disposizione il Servizio Clienti 800.862.328 del Gruppo Hera, (numero gratuito attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18) e il sito www.ilrifiutologo.it oltre ad una mail appositamente dedicata iebbassaromagna2019@gruppohera.it (alla quale poter inviare eventuali richieste di informazioni o segnalazioni relative al nuovo progetto).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Bassa Romagna riorganizza la raccolta dei rifiuti: in arrivo le "isole ecologiche di base"

RavennaToday è in caricamento