La campagna per la regolarizzazione universale dei migranti arriva in Prefettura

Venerdì mattina una delegazione della campagna di mobilitazione 5 Maggio per la regolarizzazione universale delle persone migranti è stata ricevuta in Prefettura

Venerdì mattina una delegazione della campagna di mobilitazione 5 Maggio per la regolarizzazione universale delle persone migranti - composta da Andrea Maestri (promotore insieme a Pippo Tadolini), Marina Mannucci e Paola Patuelli - è stata ricevuta in Prefettura dalla Vice Prefetto Vicaria Montesi e dalla Capo di Gabinetto Mancini, alle quali è stata consegnata una copia dell'appello e delle adesioni raccolte perché la trasmettano al Governo, al fine di "lumeggiare i profili critici della misura contenuta nell'art. 103 del D.L. 34/2020 e chiedere che, in sede di conversione, le forze politiche presenti in Parlamento possano discutere e migliorare il testo della norma, allargando a tutti i settori produttivi esclusi (edilizia, commercio, logistica, settore turistico-alberghiero) la possibilità di emersione del lavoro irregolare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È una battaglia di civiltà, di giustizia, di solidarietà, di umanità ma anche di sicurezza e legalità, perché una regolarizzazione universale contrasterebbe efficacemente gli sporchi interessi di mafie (come affermato recentemente anche dal Procuratore Nazionale Antimafia), caporali, imprenditori disonesti e sfruttatori, campioni di evasione fiscale e contributiva, restituendo dignità e diritti a tutte e a tutti - spiegano i promotori - L'impegno delle associazioni del territorio continuerà finché il Parlamento italiano non adotterà una riforma organica e strutturale della legislazione in materia di immigrazione (è ancora vigente dal 2002 la Bossi-Fini, insieme al recente decreto-sicurezza voluto da Salvini) che è fattore di precarietà, insicurezza, esclusione e irregolarità, ponendo fine alle condizioni che dal 1986 (anno della prima sanatoria italiana) ad oggi hanno costretto all'approvazione di periodiche sanatorie, per assorbire e riportare alla legalità del soggiorno centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori di origine straniera, costretti loro malgrado alla invisibilità. La misura approvata, che rappresenta un primo positivo, seppur timido e parziale, passo avanti, è insufficiente rispetto all'entità del problema che intenderebbe risolvere: c'è ancora tempo (poco) e spazio (quello della partecipazione democratica) per correggere la rotta e dare una risposta concreta e coerente con lo spirito della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, che ci ricorda che tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

Torna su
RavennaToday è in caricamento