La campagna per la regolarizzazione universale dei migranti arriva in Prefettura

Venerdì mattina una delegazione della campagna di mobilitazione 5 Maggio per la regolarizzazione universale delle persone migranti è stata ricevuta in Prefettura

Venerdì mattina una delegazione della campagna di mobilitazione 5 Maggio per la regolarizzazione universale delle persone migranti - composta da Andrea Maestri (promotore insieme a Pippo Tadolini), Marina Mannucci e Paola Patuelli - è stata ricevuta in Prefettura dalla Vice Prefetto Vicaria Montesi e dalla Capo di Gabinetto Mancini, alle quali è stata consegnata una copia dell'appello e delle adesioni raccolte perché la trasmettano al Governo, al fine di "lumeggiare i profili critici della misura contenuta nell'art. 103 del D.L. 34/2020 e chiedere che, in sede di conversione, le forze politiche presenti in Parlamento possano discutere e migliorare il testo della norma, allargando a tutti i settori produttivi esclusi (edilizia, commercio, logistica, settore turistico-alberghiero) la possibilità di emersione del lavoro irregolare".

"È una battaglia di civiltà, di giustizia, di solidarietà, di umanità ma anche di sicurezza e legalità, perché una regolarizzazione universale contrasterebbe efficacemente gli sporchi interessi di mafie (come affermato recentemente anche dal Procuratore Nazionale Antimafia), caporali, imprenditori disonesti e sfruttatori, campioni di evasione fiscale e contributiva, restituendo dignità e diritti a tutte e a tutti - spiegano i promotori - L'impegno delle associazioni del territorio continuerà finché il Parlamento italiano non adotterà una riforma organica e strutturale della legislazione in materia di immigrazione (è ancora vigente dal 2002 la Bossi-Fini, insieme al recente decreto-sicurezza voluto da Salvini) che è fattore di precarietà, insicurezza, esclusione e irregolarità, ponendo fine alle condizioni che dal 1986 (anno della prima sanatoria italiana) ad oggi hanno costretto all'approvazione di periodiche sanatorie, per assorbire e riportare alla legalità del soggiorno centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori di origine straniera, costretti loro malgrado alla invisibilità. La misura approvata, che rappresenta un primo positivo, seppur timido e parziale, passo avanti, è insufficiente rispetto all'entità del problema che intenderebbe risolvere: c'è ancora tempo (poco) e spazio (quello della partecipazione democratica) per correggere la rotta e dare una risposta concreta e coerente con lo spirito della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, che ci ricorda che tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento