rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca Faenza

La grandine provoca danni alle coltivazioni, Coldiretti allerta Comuni e Regione

I forti temporali degli scorsi giorni con gli episodi di grandine hanno rovinato il raccolto di diverse zone di campagna del faentino

È allarme nelle campagne della provincia a causa di questo avvio di giugno tutt’altro che estivo. Nella serata di ieri una lunga e violenta grandinata, la calamità più temuta dagli agricoltori in questa stagione perché provoca danni irreparabili alle coltivazioni vanificando il lavoro di un intero anno, ha colpito i territori dell’alto Faentino, in particolare Tebano, toccando anche le zone di Villa Vezzano (Brisighella), Zattaglia (Casola Valsenio) e Biancanigo, a Castel Bolognese. Da un primo monitoraggio avviato da Coldiretti risultano danneggiate strutture, serre e coltivazioni, sia arboree, con impianti fortemente compromessi o completamente defoliati, che erbacee, con gravi perdite in quelle in avanzata fase di maturazione. Particolarmente colpite le coltivazioni in piena stagione produttiva: cereali, colture orticole e frutta, ma si registrano danni anche a vigneti.

Il repentino capovolgersi del tempo è una conferma dei cambiamenti climatici in atto che si manifestano con ripetuti sfasamenti stagionali ed eventi estremi: precipitazioni brevi e violente accompagnate anche da grandinate intense, come quella di ieri che seppur caratterizzata da chicchi di dimensioni contenute è proseguita per ben 10 minuti. Mentre sono in corso rilevamenti più dettagliati al fine di accertare le reali perdite economiche e fondiarie subite, Coldiretti ha già inviato un primo report a Regione e Comune per verificare se nelle zone colpite ci sono le condizioni per dichiarare lo stato di calamità.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La grandine provoca danni alle coltivazioni, Coldiretti allerta Comuni e Regione

RavennaToday è in caricamento