menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Guardia di finanza si riorganizza per presidiare meglio il territorio

A Ravenna, per effetto della riforma, sono state istituite due nuove Compagnie, rette da Capitani

Dall’inizio di quest’anno è in vigore la riforma dei Reparti territoriali della Guardia di Finanza, concepita per garantire una più diffusa presenza delle Fiamme Gialle sul territorio nello svolgimento della mission di polizia economico-finanziaria a tutela del bilancio pubblico, delle Regioni, degli Enti locali e dell’Unione Europea.

La recente revisione fa seguito a quella che, a partire dal 2018, ha interessato i Reparti Speciali del Corpo rendendoli più snelli e operativi, anche al fine di fornire maggiore collaborazione alle Authority di riferimento (Autorità Nazionale Anticorruzione, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Autorità Garante per la Privacy, Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente e Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni). Tante le novità introdotte dalla riforma. Le Brigate sono state elevate al rango di Tenenza e sono ora comandate da Luogotenenti in possesso di un’elevata esperienza di servizio o da giovani Tenenti che hanno frequentato i corsi presso l’Accademia? sono stati istituiti nuovi Gruppi territoriali - uno almeno per ogni provincia - che assicureranno più efficacemente la funzione di indirizzo e coordinamento dell’attività svolta dalle Compagnie e dalle Tenenze dipendenti. Sono stati poi rivisitati i Reparti specializzati “Anti Terrorismo Pronto Impiego” (i cosiddetti “Baschi Verdi” della Guardia di Finanza), presenti anche a Ravenna, che operano a contrasto dei traffici illeciti e concorrono al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica. Istituite anche nuove Stazioni del S.A.G.F. (Soccorso Alpino della Guardia di Finanza) per l’attività di controllo dei territori alpestri nonché di soccorso in alta montagna e nei luoghi impervi o colpiti da calamità naturali.

A Ravenna, per effetto della riforma, sono state istituite due nuove Compagnie, rette da Capitani: la prima Compagnia, che svolge compiti di polizia economico-finanziaria nei territori dei Comuni di Ravenna, Russi e Alfonsine, e la seconda Compagnia, che opera presso il porto cittadino con compiti di vigilanza doganale. La prima Compagnia e la seconda Compagnia dipendono dal Gruppo di Ravenna, comandato da un Tenente Colonnello, dal quale dipendono anche la Compagnia di Faenza, la Tenenza di Lugo e la Tenenza di Cervia. Tutti questi reparti territoriali, così riorganizzati, continueranno ad operare in stretta sinergia con il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Ravenna, anch'esso rivisitato di recente, retto da un Ufficiale superiore e alle dirette dipendenze dal Comando Provinciale.

La nuova revisione dell’architettura organizzativa che ha interessato il Corpo mira all’innalzamento della qualità della presenza dei Reparti sull’intero territorio nazionale, ma soprattutto alla crescita dei livelli di responsabilità, mediante l’affidamento di tutte le unità operative a militari di consolidata e qualificata competenza. La riforma, in sintesi, attuata nell’anno in cui il Corpo festeggia i 245 anni dalla sua fondazione, risponde all’esigenza di adeguare la struttura ordinativa della Guardia di Finanza alle sempre maggiori richieste d’intervento istituzionale dettate dall’attuale momento socio-economico del Paese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento