menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La mareggiata si 'mangia' la costa e spaventa gli stabilimenti: "Salvare le spiagge in sfacelo"

Sabato una mareggiata ha colpito Marina Romea nord fino alla foce del Lamone, ma anche Lido Adriano, abbattendo la duna di protezione degli stabilimenti balneari e mettendo a rischio anche le strutture

Il 2018 è stato un anno difficile per certe zone a nord di Marina Romea e a Lido Adriano, colpite dalle mareggiate di fine agosto che hanno portato via fino a 10 metri di spiaggia, causando anche, in un tratto, un pericoloso strapiombo. "L'assessore ai lavori pubblici e alla subsidenza Fagnani dichiarò allora che “la situazione merita senza dubbio un approfondimento, per comprenderne cause e preparare rimedi. Già domani mattina riunirò in municipio i tecnici per capire come muoverci. Sentiremo anche l'Università, con la quale collaboriamo nella gestione dei fenomeni di erosione e forniremo al più presto delle risposte” - ricorda il capogruppo di Lista per Ravenna in consiglio Alvaro Ancisi, insieme al vicesegretario Massimo Fico - Intanto informò che la Giunta comunale aveva deliberato, per la primavera 2019, un intervento di ripascimento, del valore di 99mila euro, che avrebbe riguardato Marina Romea, Punta Marina Terme e Lido Adriano, “che durante il periodo invernale subiscono maggiormente gli effetti di erosione delle mareggiate”: il solito rimedio tampone, oltre il quale non si è ancora avuta l’annunciata immediata risposta riguardo ad interventi strategici, solidi e risolutivi".

>>VIDEO: A Marina Romea la mareggiata mette in pericolo lo stabilimento balneare

Sabato una breve mareggiata ha colpito più a fondo le stesse zone, in particolare Marina Romea nord fino alla foce del Lamone, ma anche Lido Adriano, abbattendo la duna di protezione degli stabilimenti balneari e mettendo a rischio anche le strutture. "L’inverno scorso l’assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, riconoscendo che “quello dell'erosione costiera è un fenomeno che va letto nelle sue complessità, con un approccio articolato”, essendo “unanime nel mondo tecnico e scientifico…la consapevolezza …che è più opportuno ragionare in termini di strategia, senza escludere a priori alcuna tecnica o tecnologia ma con una particolare attenzione agli effetti che ciascun intervento finisce con il determinare sul delicato equilibrio del litorale”, approvò su iniziativa del consigliere della Lega Pompignoli un ordine del giorno che impegnava il presidente Bonaccini e la sua Giunta “a valutare, sulla base di proposte progettuali sorrette da studi specifici o di tipo sperimentale e opportune modellazioni che mettano le strutture tecniche regionali in condizioni di verificarne l'adeguatezza, le migliori soluzioni tecniche proposte anche innovative finalizzate a ridurre l'esposizione a rischio dei litorali e l'aumento del livello di sicurezza degli arenili e dei territori retrostanti, e quindi di meglio garantire l'integrità dei lidi romagnoli affetti dal fenomeno dell'erosione costiera”. Anche di questo impegno nulla si è saputo - insiste il consigliere d'opposizione - Viste l’urgenza e la necessità, chiediamo al sindaco se intende riferire al più presto, data l’imminenza della nuova stagione balneare, su come la Giunta comunale e la Giunta regionale intendano corrispondere strategicamente agli impegni da loro assunti, con riferimento particolare allo stato di emergenza in cui versano i lidi di Ravenna più gravemente a rischio di sfacelo. Ci si riserva, ascoltata la risposta, di esigere la convocazione di una seduta speciale delle competenti commissioni consiliari del Comune di Ravenna per ogni dovuto approfondimento da produrre e indirizzo da rivolgere al sindaco stesso e alla sua Giunta".

Bagno Mercurio Marina Romea 3.2.19 n. 2-2

Bagno Mercurio Marina Romea 3.2.9 n. 1-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento