Cronaca

La musica del Mei porta a Faenza oltre 30mila persone e 200 artisti

La 25esima edizione del Mei – Meeting delle Etichette indipendenti si è conclusa domenica confermandosi come un successo da record

La 25esima edizione del Mei – Meeting delle Etichette indipendenti si è conclusa domenica confermandosi come un successo da record: oltre 30.000 presenze, un record mai registrato prima, durante le tre giornate di incontri, premiazioni e concerti, un afflusso di persone mai visto per oltre 200 live di artisti e band emergenti.

Dopo l’inaugurazione di venerdì pomeriggio, che ha visto l’apertura di mostre dedicate alla storia della musica e all’arte, la sera è stato reso omaggio in un cinema strapieno a Don Gallo con un film che ha visto la partecipazione corale di tutta la musica italiana. Nel centro di Faenza sono stati protagonisti tanti artisti, dai giovani emergenti ai talenti premiati con illustri riconoscimenti.

Tra i protagonisti della giornata di sabato i Marlene Kuntz, che hanno ricevuto il Premio Ciampi per i loro 30 anni di carriera. Durante la Notte Bianca, il palco di Piazza del Popolo ha visto protagonisti con i loro live Fulminacci, doppio vincitore del premio “Mei – Exitwell come miglior esordio indipendente dell’anno” e del “Pivi”, Premio Italiano Videoclip Indipendente e il giovane Tredici Pietro vincitore del Premio Hip Hop Mei, Morgan che ha ricevuto il Premio Mei alla Carriera e i Negrita, Premio Rai Radio Live . Al Teatro Masini è invece andata in scena la finale del Premio dei Premi, vinto dalla cantautrice sarda Chiara Effe e che, oltre alla vincitrice, vanta un podio tutto al femminile, con Francesca Incudine al secondo posto e Micaela Tempesta al terzo. Durante la serata Giovanni Truppi e Riccardo Sinigallia hanno ricevuto rispettivamente il “Premio Pimi come miglior artista indipendente” e il “Premio per il miglior album del 2018”, mentre Ginevra de Marco e Cristina Donà hanno ricevuto uno speciale riconoscimento per il loro progetto discografico e tour insieme a quelli ricevuti da Margherita Zanin e Irene Ghiotto. Per la prima volta i vincitori sono due importanti realtà della Rete in tema di informazione musicale e culturale: Deer Waves vince come “Miglior Sito Web” e Pensierosecondario come “Miglior Blog Personale”, mentre il “Premio speciale Miglior documentario musicale italiano” va a “Noi siamo Afterhours” di Giorgio Testi.

La giornata conclusiva di domenica ha visto nuovamente protagoniste le donne sui palchi del Mei: il concorso Mei Superstage ha visto trionfare il gruppo tutto al femminile delle Abc Positive +, mentre la giovane Greta ha vinto il Premio per il miglior videoclip emergente dell’anno. A conclusione il Mei ha voluto premiare gli attori della Uniweb Radio Tour, una sperimentazione innovativa, che permette di sostenere le web radio universitarie e di dare uno spazio aggiuntivo agli emergenti per farsi conoscere premiando gli ideatori Marco Stanzani e Romeo Perrotta durante i live di Petra Magoni, Paolo Benvegnù e gli Street Clerks. Partecipatissimo come sempre il Forum del Giornalismo Musicale che ha visto la neonata Agimp, l’associazione dei giornalisti musicali, intervistare Cristina Donà e Ginevra Di Marco, così come sempre piena di pubblico per tutti i tre giorni è stata la prima Fiera del Disco e degli Strumenti Musicali con l’originale mostra sui manifesti delle origini delle Orchestre della Romagna degli Anni Sessanta e Settanta.

Ed è a tutti gli effetti un patto quello stipulato al Mei: il presidente del Silb dell’Emilia Romagna Gianni Indino, intervenuto sabato al convegno internazionale “Digital Day” in rappresentanza del presidente nazionale Maurizio Pasca, ha sancito insieme al direttore artistico della manifestazione Sangiorgi l’avvio di questa nuova iniziativa. “Nei prossimi giorni – spiega il presidente del Silb – il nostro presidente Pasca e Sangiorgi si vedranno per stilare il programma che vedrà coinvolti una ventina di locali italiani tra i più famosi, alcuni anche sul nostro territorio, dove si esibiranno giovani gruppi emergenti attraverso festival, concerti live e rassegne. Da una parte si tratta di un’occasione unica per i giovani musicisti per fare esperienza, crescere professionalmente e provare l’emozione di esibirsi in autentiche cattedrali della musica, dall’altra permetterà ai nostri locali di dare ancora più alternativa ai propri clienti offrendo loro della buona musica live. La musica dal vivo ha grande importanza per tutto il movimento e ha un seguito notevole: per questo siamo particolarmente orgogliosi di portare avanti questa iniziativa insieme al Mei, che da ormai 25 anni si dedica alla sua crescita all’insegna della qualità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La musica del Mei porta a Faenza oltre 30mila persone e 200 artisti

RavennaToday è in caricamento