La piattaforma Angela Angelina arriva in Parlamento: "Chiuderla il prima possibile"

Sulla situazione della piattaforma antistante Lido di Dante, Muroni ha annunciato che presenterà un'interrogazione parlamentare ai ministri competenti, Sergio Costa e Luigi Di Maio

La deputata di Liberi e Uguali Rossella Muroni ha fatto ritorno a Ravenna, davanti alla piattaforma Angela Angelina, per constatare di persona una situazione che gli ecologisti denunciano da anni. "Domenica pomeriggio, con i rappresentanti locali di LeU e di Legambiente, abbiamo parlato di quello che questa piattaforma rappresenta: un simbolo nazionale di insostenibilità ambientale, di mancato progresso energetico, di pericolo per il territorio - commenta Muroni - Da anni denunciamo come i fenomeni di subsidenza e la progressiva scomparsa dell'arenile antistante siano fenomeni connessi con le attività estrattive della piattaforma. Proprio per questo il sindaco ha provato più volte a chiedere a Eni e al Mise di anticipare la chiusura della piattaforma e su questo i nostri rappresentanti in consiglio comunale stanno incalzando la Giunta perchè non smetta di pretendere risposte". L'ultimo a sollevare la questione è stato il capogruppo di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, spiegando come "l'Eni non abbia preso alcun impegno concreto sulla tempistica della eventuale dismissione anticipata della piattaforma".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Due anni fa con il referendum sulle trivelle abbiamo provato a spiegare che legare il futuro energetico del Paese alle attività estrattive era miope e ben lontano dagli obiettivi di riduzione delle emissioni e di sviluppo delle energie rinnovabili a cui ci legano gli accordi sottoscritti a livello internazionale - prosegue la deputata di LeU - In quell'occasione il Movimento 5 Stelle si era impegnato fortemente sui temi del referendum, e ora che il Mise è in mano al loro capo politico Luigi Di Maio ci aspettiamo siano conseguenti e che accellerino i tempi di smantellamento delle piattaforme chiuse e di chiusura delle piattaforme attive, a partire da quelle più insostenibili come Angela Angelina". Sulla situazione della piattaforma antistante Lido di Dante, Muroni ha annunciato che presenterà un'interrogazione parlamentare ai ministri competenti, Sergio Costa e Luigi Di Maio, "da cui mi aspetto riposte adeguate e coerenti con quanto promesso in campagna elettorale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Si tuffano in mare, vengono risucchiati dalle onde: tre vengono salvati, uno perde la vita

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Alberi caduti, nubifragi e allagamenti: i temporali seminano danni

  • Alessandro Borghese gira una puntata di "4 Ristoranti" in riviera

  • Presunto ordigno bellico: divieto di accesso ad una delimitata zona di spiaggia a Marina di Ravenna

Torna su
RavennaToday è in caricamento