menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Regione finanzia le piste ciclabili: "Ma a Ravenna neanche un centesimo"

La Regione Emilia Romagna ha finanziato 20 progetti rivolti a comuni medio piccoli per la realizzazione di nuove piste ciclabili e la riqualificazione di percorsi ciclopedonali

La Regione Emilia Romagna ha finanziato 20 progetti rivolti a comuni medio piccoli per la realizzazione di nuove piste ciclabili e la riqualificazione di percorsi ciclopedonali. "Le piste ciclabili e lo spostamento ecocompatibile sono uno dei punti principali della nostra proposta programmatica per il prossimo appuntamento elettorale - spiega Rudi Capucci, oordinatore Unione dei comuni Fratelli d'Italia e candidato alle Regionali nel collegio di Ravenna - Pensiamo non solo al collegamento tra i centri cittadini attraverso le classiche piste ciclabili, ma anche alla valorizzazione e all’utilizzo degli argini dei fiumi come sentieri ciclopedonali. Però, andando ad analizzare la situazione, si evince che i comuni che hanno presentato i progetti sono 20 di cui 4 in provincia di Bologna, 5 in provincia di Forli-Cesena, 2 nel Modenese, 3 nel Reggiano, 2 nel Piacentino, 2 in provincia di Ferrara, 1 in provincia di Parma e 1 nel Riminese".

"Mi sembra evidente che manca solo la Provincia di Ravenna - continua il candidato - La riflessione che ne scaturisce è: sono stati gli amministratori dei comuni che non hanno presentato progetti finanziabili, oppure gli amministratori regionali non hanno avuto a cuore il nostro territorio? Visto che in entrambe i casi gli amministratori fanno riferimento al Partito Democratico, crediamo che questo fatto denoti una scarsa attenzione verso un territorio importantissimo per storia, cultura e potenziale economico come la provincia di Ravenna. Certo, non mettiamo in discussione le capacità ammnistrative e l’onestà intellettuale degli amministratori democratici; ma forse pesa il fatto che dal dopoguerra ad oggi non sono mai stati messi in discussione e quindi si sono, come dire, un po' seduti. Oggi anche il centrodestra rappresenta un’alternativa credibile a questa sinistra per il governo della Regione e crediamo altresì che con un po' di impegno e di umiltà in più saremmo riusciti a portare qualche progetto e qualche soldo anche in provincia di Ravenna. Invitiamo pertanto i cittadini a riflettere su questo episodio, che è sintomatico e rappresentativo di un modo di fare politica che ormai dà per scontato il consenso degli elettori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento