rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

La scuola di Lido Adriano aprirà nel 2019: e per il nome si pensa al "Sommo Poeta"

Il dibattito sul futuro di Lido Adriano ha spaziato sulla necessità di dare alla località una sua precisa identità culturale, anche tramite una politica di intitolazioni di strade e spazi pubblici

Al Cisim di Lido Adriano, nel corso della presentazione del libro “L’Ala di Berardi” di Saturno Carnoli, Cesare Albertano e Domenico Mollura, il sindaco Michele de Pascale ha accolto la proposta dell’editore Ivan Simonini di intitolare la nuova scuola media a Dante Alighieri. Il sindaco ha assicurato che la nuova scuola sarà pronta a settembre 2019 e che sarebbe particolarmente significativo, nella cittadina più multietnica del territorio comunale ravennate, dedicarla al più grande e famoso degli esuli.

Il dibattito sul futuro di Lido Adriano, stimolato dal libro, ha spaziato sulla necessità di dare alla località una sua precisa identità culturale, anche tramite una politica di intitolazioni di strade e spazi pubblici ai protagonisti dei primi '50 anni di vita del Lido e non più a personaggi come Girardengo e Coppi o Cimabue e Metastasio, illustrissimi ma estranei alla storia della cittadina, che è l’unica il cui nome sia tratto da un verso della Divina Commedia e più precisamente del Canto XXI del Paradiso interamente dedicato a Pier Damiani. Sono emersi altri nomi come Bruno Benelli, Giovanni Mesini, Ersilio Tonini, Mandiaye N’Dyaye, Seclindo Sama, Anna Praxmayer e l’ingegner Eugenio Berardi, il “piantatore di grattacieli”, che tra l’altro guidò negli anni ’70 la campagna per le scogliere, alle quali si deve se Lido Adriano, reggendo agli urti delle mareggiate, esiste ancora. Questo orientamento generale è stato poi confermato alcuni giorni dopo dal sindaco alla cerimonia di inaugurazione del Largo Augusto Chiericati, la prima intitolazione di uno spazio pubblico a un protagonista dello sviluppo della località. Da Laura Gambi del Cisim a Gianni De Lorenzo della Pro Loco, tutti i partecipanti hanno infine condiviso l’indicazione strategica di fare della nuova scuola media un centro di sperimentazione culturale e didattica di qualità in modo che la sua funzione sociale nel particolarissimo contesto multietnico si sposi con l’alto livello scientifico della sua attività: questa nuova istituzione scolastica può diventare un laboratorio di rilevanza nazionale sulle politiche di integrazione.

2(2)-40

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scuola di Lido Adriano aprirà nel 2019: e per il nome si pensa al "Sommo Poeta"

RavennaToday è in caricamento