rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Cronaca

La scuola riapre dopo l'alluvione: "Dal fango germoglierà una generazione di cittadini più temprati e consapevoli"

Il preside agli studenti: "Vi aspettiamo orgogliosi di quello che avete fatto e che ancora farete"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Dopo giorni problematici e di profonda angoscia, in occasione della imminente riapertura della scuola, a nome della comunità scolastica sento in primo luogo il dovere di esprimere la mia vicinanza alle famiglie che hanno subito danni ai beni e alle abitazioni, ai tanti che hanno sofferto disagi e tuttora si trovano in situazione di difficoltà, a coloro che sono ancora fuori dalle proprie case o hanno perso la propria attività. Tutti abbiamo vissuto momenti di paura e di sconforto, ma alle lacrime sono seguiti subito gli incoraggiamenti; la voglia di reagire è stata immediata e ha comportato la mobilitazione, tra gli altri, di migliaia di voi studenti. Come sempre le sventure fortificano e fanno nascere sentimenti intensi. Così, anche in questa occasione, mi piace pensare che il fango di oggi sia il terreno fertile da cui germoglierà domani una generazione di cittadini più temprati e consapevoli, più coscienziosi e sensibili.

Questa catastrofe, infatti, rappresenta anche una grande lezione di educazione civica – una di quelle che non si insegnano nelle aule – che vi ha permesso di sperimentare in concreto quei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale sanciti dall’art. 2 della Costituzione. Abbiamo visto voi “burdèl de paciug” imbracciare le pale e indossare gli stivali, affondare nel fango e portare aiuto dove era necessario, elargire sorrisi e cantare “Romagna mia”. È ammirevole come attraverso il vostro infaticabile lavoro siano emersi dalle acque limacciose i valori della fratellanza e della coesione, la disponibilità ad aiutare gli altri e la voglia di ripartire senza piangersi addosso, mostrando anzi tenacia e volontà, caratteristiche tipiche di questa terra e del nostro popolo romagnolo.
Siamo pronti ad accogliervi di nuovo in questo luogo che per tutti è così familiare e normale. Chi potrà lo farà già da domani e attenderemo, senza l’ansia di verifiche e compiti a casa, senza l’assillo di finire il programma, anche chi potrà farlo solo più avanti. Tornare a scuola significa ritrovare un posto che potete chiamare casa; la scuola è parte della vostra vita e tornarci significa tornare alla normalità. Vi aspettiamo orgogliosi di quello che avete fatto e che ancora farete e insieme potremo riprendere il cammino verso un domani che adesso, anche grazie a voi, appare pieno di speranza.

Fabio Gramellini, dirigente scolastico Istituto tecnico Oriani di Faenza

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scuola riapre dopo l'alluvione: "Dal fango germoglierà una generazione di cittadini più temprati e consapevoli"

RavennaToday è in caricamento